Cap 17 – La vendetta

Apro gli occhi ma è come se non gli avessi mai chiusi.

Per quel poco che ricordo, Flavia se ne è andata verso le 23; da quel momento in poi, tutto è confuso, pensieri, immagini, fantasie, si accavallano con parti di sogno, atomi di incubi che mi hanno accompagnato per tutta la notte.

Ho sognato di vivere con Asia e Baffino in uno splendido attico in Passeig de Gràcia, poi l’immagine cambiava e mi trovavo con Asia nella gabbietta di Baffino, ed io passavo ore a correre sulla ruota per cercare di dimagrire e piacerle sempre di più, ma lei non era più lei, non aveva più un volto, di quella splendida creatura che mi aveva scaldato il cuore rimaneva niente più che un freddo profilo.

Disteso sul mio Malm ragiono sulle cose da fare, sento una strana esigenza di sensazioni contrapposte, voglio adrenalina e calma, bianco e nero; non esiste la dicotomia nella mia mente, ma c’è una convergenza di linee parallele, che si intrecciano così fittamente sino a formare una maglia indistruttibile sulla quale fonderò la mia rinascita.

Ho bisogno di banalità, sento l’esigenza impellente di qualcuno che mi dica che in “estate c’è caldo ma che d’inverno si muore di freddo”, che “le stagioni ormai sono scomparse” e che “la prossima sarà l’estate più torrida degli ultimi 1000 anni”, che “per proteggerci dal sole dobbiamo bere, mangiare tanta frutta, evitare la pasta e fagioli e metterci la crema protettiva” e che “l’uomo più vecchio del mondo ha un nonno ubriacone di nome Giuliano che in gioventù ha vinto a briscola con Napoleone prima della famosa disfatta – o vittoria – di Waterloo”.

Voglio qualcuno che stupidamente applauda quando l’aereo atterra, che mi faccia vergognare di essere italiano non appena metto un piede fuori dai patri confini, che mi racconti che “lavorare in tv è davvero duro perché per i 700€ che ti danno per ciascuna delle 5 volte a settimana che vai in onda, sei costretta a provare i balletti ben 7 ore al giorno”, desidero qualcuno che cerchi di convincermi che “lui non è razzista ma che esistono “razze” come gli zingari che nascono geneticamente predisposte a rubare”, voglio disperatamente una persona che mi domandi “chi è l’ultimo della fila per poi cominciare con il pistolotto sul tempo, governo e i giovani d’oggi”.

Voglio tutto questo, desidero questo spaccato di banale umanità, per poter ricominciare ad odiare altri, e smettere di odiare me stesso per quello che ho fatto, per quello che ho detto, per tutto ciò che ho perduto.

Dal suo più arcaico anfratto, la mia mente ha già ricominciato a lavorare per salvaguardare la mia e la sua stessa esistenza, ho automaticamente adottato una modalità interpretativa della realtà che è anche una difesa, talmente potente e sofisticata da sembrare del tutto naturale.

Distorco il reale perché non sia più terrifico, perché io possa prendere rapidamente una decisione, che anche se sbagliata, mi porterà fuori dal buco in cui mi sono cacciato.

Così, banalmente, decido di spogliarmi una volta per tutte delle mie colpe e di cercare un colpevole, vittima e carnefice allo stesso tempo, su cui riversare la mia rabbia.

Smetto di incolparmi nel momento in cui capisco che è troppo pericoloso accusare me stesso per quanto accaduto, il colpevole deve per forza essere esterno, deve essere esistita una causa o una serie di situazioni che mi hanno portato a tutto questo.

Mi crogiolo per alcuni secondi nel senso di rassicurazione che tale materasso psicologico mi provoca, e comincio ardentemente a cercare una luce al mio buio.

Seduto sul letto scorro in rassegna quanto successo negli ultimi giorni, enumero lentamente con chi conosco e cosa posso imputare a ciascuno:

  • Bianca: in quanto madre, per quello che ci hanno sempre insegnato, è comunque colpevole. Ma per quanto mi sforzi di immaginare Bianca intenta a complottare contro di me e la mia vita con Asia e Baffino, tutto risulta vano. Mi ripropongo di provare nuovamente ad odiarla in un secondo momento, ipotizzo per non avermi permesso di farsi odiare in questa occasione.
  • “Quella che probabilmente è stata adottata”, ma a conti fatti a lei e alle sue sordide trame già imputo:
    • la fame nel mondo;
    • la comparsa di malattie quali malaria e la peste bubbonica;
    • il gomito del tennista;
    • i miei continui fastidi alla schiena;
    • il buco nell’azoto o nell’ozono;
    • il disastroso periodo del Milan in campionato e Champions;
    • la serie TV i Cesaroni;
    • le dichiarazioni di Capezzone.

Non credo di poterla accusare anche di questo, non subito almeno.

Fatto salvo Ioli, il cui out out ha dato il via a questa escalation, a cui però riconosco il merito di avermi posto davanti ad un bivio che prima o poi avrei dovuto affrontare, direi che il possibile colpevoli sono da rintracciare tra gli amici o tra i vicini di casa:

  • Escludo il Ruberti, nonostante mi abbia sedotto e poi abbandonato, non lo ritengo capace di odiarmi a tal punto da ordire tale macchinazione contro di me;
  • Qualche ex? Anna? Elena? Dubito, sono sempre stato lasciato;
  • Il Farino, per quello che rappresenta e per come si è comportato, lui potrebbe sicuramente aver tramato contro di me;
  • Infine Stefan.

Rimango per alcuni secondi a riflettere sulla figura di Stefan, ripercorro a ritroso la nostra storia, il modo a dir poco sospetto in cui ha spiattellato a Simona il mio piano per non restituirle Baffino, e ancora prima il suo fastidio malcelato nei confronti di qualsiasi mia iniziativa che non lo coinvolgesse.

Passo dopo passo nella mia mente i contorni dei due possibili colpevoli si fanno più nitidi e dalla fase del dubbio passo a quella della assoluta certezza: Stefan e il Farino debbono essere affrontati e puniti.

Decido di cominciare con Stefan, sarà lui il primo a saggiare la mia ira funesta.

Entro in casa sua senza bussare, è probabile che lo abbia svegliato perché lo sento imprecare dalla camera da letto.

“Ho bisogno di un favore da parte tua” gli dico una volta comparso in cucina, il suo sguardo battagliero si dissipa nell’aria appena mi vede.

“Certo, chiaro, dimmi cosa posso fare”.

“Vorrei che tu mi restituissi le chiavi di casa, poi chiamassi un fabbro e lo facessi venire da me a sostituire la serratura”.

“Non ti sognare di tenere una copia delle nuove chiavi”.

“Io sarò via tutta la giornata, esco con un nuovo amico che ho conosciuto online. Si chiama Luca, con le donne è una macchina da guerra. Ti dico solo che con l’ultima con cui è uscito ci è finito a letto la prima sera e questa, matta ninfomane, gli ha graffiato schiena e collo. Dovessi vedere le foto che mi ha spedito, aveva la gola così segnata che nemmeno un incontro con un puma te la riduce così”.

Non gli do l’opportunità di rispondere, voglio lasciarlo sconcertato e sofferente. Prima di uscire mi giro verso di lui e gli ricordo ancora di non intascarsi una copia delle chiavi.

Passo la giornata al lavoro, mi faccio invitare da Bianca a mangiare, mi perdo trai mille bar della città giusto per ammazzare il tempo. Alle 23 e 15 sono nuovamente a casa. Stefan ha nascosto le chiavi della porta sotto lo stuoino. Efficace ed efficiente come al solito, si è premurato di pagare di tasca propria la fattura.

Bussa alla porta dopo circa 30 minuti.

“Come stai?” Domanda cercando di vedere al di là delle mie spalle “C’è Luca qui?”

“No, entrambi eravamo molto stanchi dopo una giornata passata a ridere e divertirci”.

Sembra subire il colpo ma prontamente si riprende e passa al contrattacco: “Non puoi immaginare che cosa incredibile mi è successa oggi”.

Lo fisso in silenzio.

“Sono andato al supermercato per la spesa single che mi hai spiegato, e ho incontrato una tipa, alla fine siamo andati da me e guarda, guarda cosa mi ha fatto!”

Sposta di qualche centimetro il collo della camicia, 4 graffi rossi attraversano longitudinalmente il lato sinistro della sua gola, ci sono piccoli rigagnoli di sangue che sgorgano in un punto mal definito al di sotto dell’orecchio e si sviluppano sino alla base del collo.

E’ evidente che a procurarli sia stata una forchetta, o comunque uno strumento dotato di punta.

Mi guarda e accenna un sorriso.

“Tu non hai idea che pazza ninfomane, quasi le tiro un pugno in bocca quando mi ha fatto questo”, e dicendolo sbottona la camicia e se la apre davanti a me.

Il suo petto sembra un campo di battaglia, conto almeno 5 ferite perfettamente uguali a quelle del collo. in alcuni punti il sangue rappreso ha già cominciato a formare una piccola crosta.

Gli faccio segno di chiudere la camicia, vado verso il frigorifero e mi apro una birra. Come un cagnolino ammaestrato Stefan rimane a fissarmi.

Prende un po’ di coraggio dopo circa 20 minuti di assoluto nulla.

“Come è andata con il tuo amico?”

“Bene”.

“Pensi che lo rivedrai?”

“Suppongo di sì, perché ti crea qualche problema?”

Il suo “no” è in realtà il pianto di un cane ferito, abbozza un sorriso e torna a fissarmi.

“Che fai tu normalmente in una serata come questa” mi domanda poco dopo.

“Sopravvivo” rispondo distratto.

“Magari potremmo sopravvivere insieme” accenna.

“Ci stai provando?

“No..no..intendo, potremmo uscire, bere qualcosa..insomma le solite cose che si fanno tra amici”.

Rifletto sul significato della parola “amici”, decido di fargli sapere più avanti che io e lui non siamo amici nel vero senso della parola, prima però mi è venuto in mente qualcosa di più divertente.

“Ti porto al Roxy” gli dico sorridente.

In città il Roxy non gode più di una grande fama, dopo i fasti di un tempo è uscito dalle grazie dei giovani ed ora è un po’ il ritrovo abituale di metallari e frichettoni.

“Ma oggi non è serata heavy metal?” domanda allarmato.

“Ovviamente” ribatto “non sarai una di quelle fighette che ascoltano musica italiana e vanno in discoteca o peggio ancora vanno in discoteca e ballano solo musica italiana”.

“No no…anzi, io adoro l’heavy metal e odio le fighette da discoteca” risponde con finto entusiasmo.

Sta sudando freddo, lo so, ma non può deludermi, è la sua grande occasione.

Entriamo nel locale che oramai sono le 2 del mattino, l’odore di sudore è superato in nefandezza solo dalla musica che stanno suonando. Siamo circondati da mostri che non sfigurerebbero tra le comparse di uno di quei film “post disastro nucleare”.

“Beviamo qualcosa” gli dico.

“Un succo di frutta alla pesca” risponde.

Gli porto una tequila.

“E’ che sono astemio” accenna titubante.

“Bevi”.

Beve.

Ne basta un’altra per trasformarlo, suda, parla, è iperattivo.

E’ ora che il soldato Stefan si rechi al fronte ed espii le sue colpe.

“Manica di sfigati..guarda come ballano” gli dico indicando un gruppo di 7 o 8 orchi tatuati che si stanno spintonando al ritmo degli Slayer.

“Già..che pena mi fanno” risponde.

“Stanno pogando”.

“Pogando?” domanda.

“Già è il modo che questi fighetti hanno per dimostrare la loro virilità” continuo.

“Sfigati” risponde lui tronfio.

“Dovresti buttarti in mezzo” dico “con il fisico che ti ritrovi li metti a sedere in un secondo”.

Il lampo di terrore che percepisco nel suo sguardo è un piacevole presagio per me.

“Hai paura coniglio?” gli domando.

“Non chiamarmi coniglio” risponde offeso.

“Se hai paura dimmelo, andiamo a bere qualcosa in un lounge bar..magari ti rimorchi il fidanzatino per stasera”

Colpito nell’orgoglio.

Si tuffa nella mischia, lo vedo scomparire. Esce per un istante dal gruppo, riprende fiato. Individua il grosso del gruppo…si scaglia addosso all’orso con tutto il suo impeto.

L’orso traballa ma non cade, si gira, ora ha Stefan nel mirino.

Comincio a ridere quando Stefan subisce la prima carica, vola per circa 1 metro prima di atterrare al suolo.

Si rialza giusto in tempo per ricevere da dietro la gomitata di un amico del gigante metallaro. Lo vedo scomparire ancora ed ancora, è in totale balia della marea umana.

Quando riesce a fuggire dal gorgo si avvicina zoppicando. La camicia è intrisa di sudore, alcune delle ferite che si è inferto si sono aperte e piccole macchie rosse disegnano fiori sul tessuto una volta bianco.

Respira a fatica, i postumi della gomitata ricevuta si fanno ancora sentire.

“Visto? glielo ho fatto vedere io a queste fighette come si fa” afferma con un filo di voce.

“Ti sei divertito a farmi cadere così in basso”, sibilo con un filo di voce.

Non sembra capire le mie parole e fiducioso attende un mio gesto.

“Sei stato un grande” rispondo e dicendolo gli assesto un buon colpo nella parte destra del costato dove sembra avere più male.

Emette un gemito.

“Ti fa male?” domando

“Figurati..non sento niente”.

Si mette seduto e a forza finisce il Brugal Cola che gli ho fatto portare. Aspetto 15 minuti prima di dirgli di alzarsi, il tempo perfetto per cominciare a vedere gli effetti dell’alcool.

Lo vedo barcollare più volte, urtare involontariamente le persone che incrocia, trova da ridire con due ragazze che apostrofa in malo modo prima che lo mandino a fare in culo.

Non prova nemmeno a ribattere quando gli dico che sarò io a guidare la sua auto al ritorno, crolla sul posto del passeggero e chiude gli occhi.

E’ l’occasione che aspettavo, il momento di fargliela davvero pagare; comincio a guidare come lo farebbe un novello Miki Biasion: accelero, freno, giro bruscamente, Stefan continua a farfugliare qualcosa dal mondo in cui ora è precipitato.

Stefan smette di parlare vicino casa, mi aspetto da un momento all’altro lo sfacelo, che puntualmente arriva.

Comincia a vomitare non appena parcheggio, non riesce nemmeno ad aprire la porta, nel vano tentativo di non sporcare la macchina, riesce solo a schiantare la fronte nel vetro laterale ancora chiuso.

Esco dall’auto e mi fermo per qualche minuto a guardarlo, cerco di ridere, ma non ci riesco.

Se questa è la sensazione della vendetta, confesso di non trovarci nulla di interessante.

Non riesco più a fingere, l’immagine di Stefan in questo momento mi fa davvero male, un barlume di umanità guida i miei gesti.

Lo aiuto a scendere dalla macchina, lui ride come un bambino, domani probabilmente riderà meno quando si renderà conto di come sono ridotti gli interni della sua vettura.

Lo porto in casa sua, si getta sul letto con gli occhi aperti, dopo 10 secondi sta già russando.

Rimango a fissarlo per almeno 5 minuti, provo quasi della tenerezza per questo ragazzo.

Ora so di avere fallito ancora, ammetto a me stesso una cosa che già sapevo: Stefan probabilmente non aveva colpa.

La colpa credo sia tutta del Farino, rimane lui da affrontare.

Annunci

14 risposte a “Cap 17 – La vendetta

  1. ho provato pena per Stefan…una grandissima pena e disgusto per il protagonista…dalla macchinazione della vendetta fino alla sua attuazione…si è salvato solo alla fine…[…cerco di ridere, ma non ci riesco.

    Se questa è la sensazione della vendetta, confesso di non trovarci nulla di interessante….]
    ….in osservazione! 😉

    • …già povero Stefan! La crisi ha provocato nel protagonista una reazione esagerata, quasi da bestia ferita. Dici bene, si è un po’ salvato alla fine. E’ come un bambino che muove i primi passi e spesso questi risultano maldestri e provocano danni o a lui direttamente, o agli altri. Vedremo che succederà con il Farino

  2. Io adesso mi aspetto la vendetta di Stefan.Troppo poco il barlume di umanità alla fine. Questo ragazzo ha bisogno di una bella lezione. Moralmente gliel’ha data il padre, fisicamente gliela potrebbe dare Stefan, due belle sberle , niente di più violento, ma date con soddisfazione.

    • Ciao Morgana…Stefan attualmente è così “invaghito” che non credo si renderà conto di quanto è successo. E’ un po’ come quelle persone che si ostinano a non vedere che il loro partner le trascura, se non peggio, le tradisce. Anche se hai perfettamente ragione quando dici che 2 sberle se le meriterebbe…diciamo che probabilmente il tempo non è ancora arrivato

  3. mio caro piccolo libro in crescita… amaro capitolo questo, ma il protagonista ha iniziato un percorso e sta facendo le sue scelte. Dalle esperienze che ne derivano potrebbe imparare qualcosa, ma forse anche no. Vedremo!
    A differenza di Morgana non credo che Stefan si vendicherà mai, e non perchè sia in totale balìa del protagonista, bensì perchè credo abbia uno specifico ruolo nel cammino di questo… è solo una sensazione non facile da mettere a fuoco!
    Un saluto e l’augurio di sogni sereni anziché atomi di incubi! 🙂

    • Ciao Stefi, sicuramente Stefan ha e avrà un ruolo in questo percorso a “prove ed errori” che il protagonista sta affrontando. Lui non è infallibile, anzi in questa situazione ha dimostrato di riuscire ad essere anche estremamente sgradevole, speriamo che riesca presto ad aggiustare il tiro 🙂

  4. Non ci posso credere!! lui sta cercando un capro espiatorio per non prendersela con se stesso!! Qualcuno deve riportarlo alla realtà!!!

  5. come sempre giuste associazioni alle immagini e video!
    una sarcastica ironia di questa società..
    ma l’umanità del nostro eroe si svela infine e l’amicizia ha comunque oltretutto un grande potere.

    • …credo di aver già utilizzato il paragone del bambino con il nostro protagonista: a volte sembra che vada alla scoperta del mondo un po’ come un bambino, con continue prove ed errori. Anche in questo caso è partito molto male..poi però qualcosa ha capito..

  6. Pingback: Cap 35 – Vicini di casa | Blog di un libro

  7. Pingback: Cap 38 – L’uomo rospo | Blog di un libro

  8. sono arrivata a questo capitolo. Aspetto ad esprimermi fino a quando non ho terminato di leggere tutti i capitoli. Per ora dico una cosa: originale, pazzo, comico e triste contemporaneamente come solo la commedia italiana sa essere. Ci sento l’influenza di Ammaniti e di Volo (che amo, quindi per me è un complimento). Alla prossima.

    • Grazie Michela, attendo un tuo commento finale a questo punto con una piccola precisazione, i primi 3 capitoli sono stati rifatti completamente, alla fine magari te li faccio avere e mi dici che ne pensi. Grazie

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...