Archivi tag: promozione libro inline

Cap 41 – Gli S.a.S

Non salverò il mondo, di questo oramai sono certo, ma almeno potrò renderlo migliore, eliminando il maggior numero di demoni possibile.

Questo è la prima cosa cui penso il martedì mattina. Non alla Nutella, e nemmeno alla scusa per non andare a lavorare. Evito di concentrarmi su alcuni evidenti segnali fisici, indicativi di una concentrazione di testosterone ancora a livelli accettabili; si sa, una cosa tira l’altra, e vorrei conservare per un po’ di tempo ancora le poche diottrie rimaste.

Ecco una cosa interessante da fare: aprire il vocabolario e verificare l’esistenza della parola “idiottria”, ovvero l’unità di misura per riconoscere un ignorante a colpo d’occhio, o di “pupille gustative”, attraverso le quali osserviamo cibi abbondanti e all’apparenza succulenti.

In caso contrario, cercare sulle pagine bianche online il numero di telefono del signor Devoto o del signor Oli, e comunicare loro le modifiche da apportare alla nuova versione del vocabolario.

Sono al settimo cielo, non c’è che dire, penso alla mia missione, alla sovrastruttura di obiettivi, regole e interazioni che regoleranno e restituiranno senso alle mie azioni nei prossimi giorni.

Sono ancora un uomo in prigione, ma con il mio cucchiaino sono riuscito a scavare un tunnel sufficiente ampio da permettermi di fuggire, di respirare, forse per la prima volta, l’aria nuova della libertà. Ho davanti l’ultima settimana di vita “imprigionata”, da lunedì prossimo sarò definitivamente libero dalla mia MCI.

Mi crogiolo mentre penso alle decine di cose che potrò fare: potrei decidere di punto in bianco di fare il giro del mondo, di trasferirmi in India e dedicare la mia vita ai più bisognosi, di fare il mago o il cuoco in tv, di diventare un miliardario e dedicare la mia vita a leggere libri di Bruno Vespa.

Nel frattempo, ho solo un impegno in tutta la settimana, telefonare a questa ragazza di nome Scrid, e scambiarci due parole. Pochi impegni significano solo una cosa, molto tempo libero da dedicare alla mia caccia.

Un pensiero continua ad assillarmi: come posso riuscire ad eliminare i demoni che man mano incontrerò? Secondo quanto mi è stato riferito da Paolo debbo solo imparare a conviverci, io tutto sommato vorrei qualcosa in più, magari essere il primo in grado di sterminarli.

Potrebbero dedicarmi una statua un giorno, “A colui che ci liberò dai demoni”. La vorrei in marmo, di proporzioni simili al Colosseo. Vedo un’enorme massa di demoni morti ed io in cima a questa montagna, armato del mio stuzzicadenti magico.

Mi alzo dal letto e mi dirigo in cucina. Mi trascino lentamente, sono come un’automobile diesel che necessita di tempo per andare a regime.

Finisco la mia abbondante colazione e mi siedo davanti al computer. Ho pensato a questa opzione ieri notte, prima di addormentarmi: in che modo attualmente le persone cercano le cose cui sono interessate? Risposta: Google.

Perché allora non cercare anche online i demoni? Di gente malvagia è pieno il mondo, magari si vedranno in forum o blog per parlare delle loro nefandezze o delle loro teste di cavallo.

Apro la pagina di Google e digito: “demoni”. 6.350.000 risultati, un po’ tanti. Affino la ricerca aggiungendo via via nuove keywords sino a quando mi imbatto in un qualcosa di interessante.

Si fanno chiamare S.a.S e si definiscono Scambisti adoratori di Satana. La homepage page è un delirante affresco della loro filosofia di vita: non credono in Dio, ma nel suo gemello cattivo. Sono convinti che attraverso il sesso non monogamo si potrà raggiungere l’estasi e la purificazione. Qualche foto, un blog, un gruppo in Facebook ed un forum.

“Questa volta, miei cari demoni, sarà la montagna ad andare da Maometto” pronuncio a denti stretti.

Non mi è difficile farmi accettare; delle buone conoscenze sulle dinamiche di gruppo online, e qualche bella foto di una ex in topless fanno il resto. Ricevo ben presto gli accessi e mi presento a tutti con li nickname Zozzodizolfo69.

Dopo qualche approccio andato a vuoto, riesco finalmente ad agganciare la mia prossima vittima, una ragazza che dalla foto valuto avere 25 anni, nickname “Schiavadeldemonio”.

Le invio una mail proponendole del sesso sufficientemente strano da farle comparire sporadiche ciocche di capelli bianchi o in alternativa, di sgozzare un gattino.

Cade facilmente nella trappola ed opta per l’opzione B.

Dopo aver annotato nella mia personale agenda del rimorchio che l’approccio “Ciocca di capelli bianchi” non sortisce l’effetto desiderato, comincio a riflettere sul dress code da adottare per un evento mondano come quello che mi appresto a presenziare.

La prima idea che mi sovviene è quella di arrivare cavalcando un caprone: mi sembra logico supporre che se le brave ragazze sognano il principe azzurro che monta un bianco cavallo, è facile che una come Schiavadeldemonio fantastichi di un uomo peloso a cavallo di un caprone.

Faccio una rapida ricerca in Google ma non trovo alcun maneggio e/o noleggio di caproni nella zona. Idea bocciata.

L’appuntamento è per le 14 del mercoledì, ho tempo a sufficienza per preparare con dovizia di particolari, l’agguato. Decido di evitare accuratamente di farmi la doccia affinché il mio odore possa sortire un effetto afrodisiaco nella peccatrice.

Mi alleno a salutarla parlando al contrario, memore dei molti messaggi satanici che sono certo di aver individuato in passato  facendo girare al contrario i dischi di Pupo e dei Ricchi e Poveri di Bianca.

“Oaic Schiavadeldemonio oteil id eraf al aut aznecsonoc”…

Oppure: “Leb oproc, otaccep ehc a everb arinif otazlifni emoc olleuq id naS onaitsabeS”.

Da Stefan prendo in prestito una maglietta degli Slayer raffigurante un inquietante girone infernale e per finire, con abile gioco di Attak, riesco a capovolgere il crocifisso regalatomi da mio zio il giorno della mia prima comunione.

L’appuntamento è per le 3 del pomeriggio del mercoledì.

Alla fine abbiamo optato per un semplice bar, nonostante io avessi a lungo insistito per un primo incontro presso la cappella del cimitero. Arrivo alle 3.15 per darle prova della mia sconcertante personalità e mettermi in una situazione dominante.

Mi prova la sua sconcertante personalità arrivando alle 3.30. Non sono certo se a mettermi in soggezione sia il suo comportamento, o la sua bellezza, fatto sta che mi sento a disagio dal primo momento che la vedo.

E’ più bella di persona che in foto, mi dispiacerà quando la vedrò tramutarsi in sabbia.

“Oaic Schiavadeldemonio oteil id eraf al aut aznecsonoc”…esordisco.

“Che?” .

“Ho detto, oaic Schiavadeldemonio oteil id eraf al aut aznecsonoc”

“Non capisco” risponde sgranando gli occhi.

Annoto mentalmente che a) o questa Schiavadeldemonio non è una satanista come dice o b) non ci sono più i demoni di una volta.

Mi spiazza dimostrandomi incredibili doti di chiaroveggenza: “Quindi tu saresti il tipo strano che mi ha proposto di fare sesso o in alternativa sgozzare un gattino”.

“Come hai fatto ad indovinare” domando in maniera inquisitoria, adoro prendere in castagna i messaggeri del demonio.

“Vediamo…magari perché ti ho riconosciuto dalla foto mi hai spedito?”

Bella ed intelligente, una donna pericolosa, rifletto.

Valuto per un secondo la possibilità di negare e presentarmi come Ajmed, un giovane marocchino che cerca di ripercorrere le gesta di Kledi, il ballerino albanese di Maria De Filippi, ma capisco al volo che la bugia non reggerebbe a lungo.

“Comunque io sono Giovanna, nel caso ti interessasse la cosa” e dicendolo mi tende la mano.

La lascio alcuni secondi in quella buffa posizione. Senza un motivo ben preciso comincio ad immaginarla addobbata con palline natalizie, la cosa mi diverte a tal punto che mi scappa una risata.

“Sono tanto buffa?” domanda irritata.

“Addobbata con palline di natale lo saresti” le rispondo seriamente…non voglio creda che io sia un tipo strano.

Ci riflette per alcuni secondi poi annuisce: “Sì, sarei buffa”

Si siede accanto a me, per sua sfortuna la posizione migliore per essere trafitta dal mio paletto caccia demoni.

Decido di non terminarla subito, quindi intavolo un interessantissimo monologo sui nessi causa-effetto esistenti tra l’usare il filo interdentale ed essere del segno dell’acquario.

Il nocciolo della questione ruota attorno al fatto che l’acquario è indipendente, generoso ma a volte irascibile, mentre il filo interdentale ha la doppia valenza costrittiva data dall’obbligatorietà temporale – usarlo almeno una volta al giorno – e quella simbolica – una corda che lega-.

Non sembra completamente presa dalla mia arte oratoria, ma non smette di fissarmi e questo provoca in me un certo trambusto ormonale.

Finisco il mio bicchiere di spuma e decido di farla finita.

La distraggo con la più classiche delle scuse: “Non è una tarantola quella cosa dietro di te?”

Lei grida, si allontana rapidamente dallo schienale della poltroncina in cui è seduta, lasciandomi il bersaglio completamente libero.

Faccio partire lo spiedino, la punta si conficca nel centro della sua natica destra…non vedo sabbia.

“Ahi! Ma sei cretino?” grida girandosi.

La pungo un’altra volta, questa volta all’altezza della coscia sinistra. Il buco nel jeans è evidente.

“Smetti di pungermi con quello stuzzicadenti, scemo!”

“Non c’è sabbia…cioè, non ti sei trasformata in sabbia” le dico incredulo.

“Perché avrei dovuto trasformarmi in sabbia, razza di imbecille?” risponde passandosi la mano sopra la ferita.

“Perché sei un demone” le rispondo.

“Io non sono un demone” ribatte.

“Ti ho conosciuta in un forum di scambisti adoratori di Satana, e sei qui per sgozzare un gattino” replico io.

“Ma tu sei fuori” risponde “Io non sono né una scambista, né una adoratrice di Satana, e per tua informazione ho 3 gatti a casa”.

“Morti?”

“No”

“Che ucciderai?”

“Ma no!”

Ci rifletto alcuni secondi.

“Torture? Magari a volte?”

“Noooooooo”.

“Ok, ok, non ti arrabbiare. Perché eri in quel forum allora?” domando.

Sorride. “Sono dei tipi folli..gli unici che mi ascoltano e mi credono quando racconto loro le mie storie e i miei casini. Molti sono da evitare, ma ci sono persone di gran cuore anche tra di loro, devi solo vincere il pregiudizio e conoscerli”.

Giovanna continua a massaggiarsi la gamba sinistra. Noto le sue mani, sono curate anche se confesso di detestare il suo smalto viola scuro.

Comincia a raccontarmi qualcosa di lei dopo poco, senza che io le chieda nulla. Mi parla dei suoi sogni, della sua famiglia, dei suoi gatti “così pigri da sembrare di peluche“.

Ascoltarla mi rilassa, i suoi racconti sono a tratti buffi, a tratti drammaticamente sinceri. Scopro che nella sua vita ci sono stati molti uomini meschini, che hanno approfittato della sua ingenuità per affondare delle lame nel suo cuore, che queste esperienze la hanno forgiata, fatta più forte, pragmatica, disillusa.

Fissandomi negli occhi mi dice che trova più semplice incontrare affetto ed umanità in gruppo come gli S.a.S, piuttosto che in altre situazioni socialmente e moralmente più normali e accettate.

Sono completamente perso nel suo sguardo, seguo il movimento delle sue labbra come fossero l’orologio che il dottore fa oscillare davanti a chi vuole ipnotizzare.

Incapace di resistere più a lungo e spinto da una strana forma di euforia e felicità che sento nascere all’interno, le propongo di baciarmi.

“Direi di no” risponde divertita, ma senza esitare un secondo.

Per un attimo ho l’impressione che a colpirmi sia stato Mike Tyson, la doccia gelata ed inaspettata mi riporta alla realtà.

Sono in un bar, davanti ad una ragazza che ho appena cominciato a conoscere. È bella, e ci sono stato bene. Mi ha appena rifiutato.

Rivedo come un flashback quanto successo con Annalisa: una persona interessante, uno scambio acceso di vedute, un addio.

Cosa posso guadagnare da Giovanna? Ci sono stato bene, è intelligente, sensibile, simpatica. Un giorno potremmo davvero innamorarci. Cosa posso perdere? Potrebbe essere un’altra Annalisa, potrei perderla per sempre.

Questa volta non voglio che la cosa si ripeta.

Respiro profondamente, la rabbia che per un attimo era salita a livelli di guardia si attenua, quando sono più rilassato le parlo: “Vediamo se indovino, ti sono simpatico, ma non sei in cerca di un’avventura. Hai ragione, sono stato un po’ precipitoso, ti prego di perdonarmi. Ti faccio un’altra proposta, mi piacerebbe poter uscire con te, come due amici”.

“Io e te amici…” riflette ad alta voce, “senza baci, senza sesso”.

“No, non lascerò che tu ti approfitti di me” le rispondo.

Ride. “Ok..ci sto…prometti però due cose”.

“Vai” rispondo

“Niente più spilloni o stuzzicadenti strani”.

“Promesso”.

“E la prossima volta ti lavi..”

Le sorrido ma non le prometto nulla…è ovvio che la mia essenza di vero uomo ha già cominciato a fare effetto su di lei.

Cap 39 – La Donna Poncho

La prima cosa che vedo appena apro gli occhi è il paletto da spiedino con il quale ho infilzato il Ric. La punta è di un colore scuro, vi sono ancora i rimasugli del suo sangue.

Stefan è stato molto gentile, prima di uscire dal locale, ha approfittato del trambusto che si era creato, per rubarlo.

Sono indeciso se farlo incorniciare o continuare ad usarlo in quella che sarà la mia nuova missione: scovare e sconfiggere i demoni.

“Non sono demoni”, mi ripeto ad alta voce, questo me lo ha detto chiaramente Paolo, sono semplicemente persone malvagie, che io riesco ad individuare grazie ad spiccata sensibilità.

La stessa sensibilità, sia chiaro, che ho utilizzato per vedere un genio dove molti vedevano un timido burocrate.

Nel bene e nel male, rifletto, sono una specie di supereroe.

Mi rigiro ancora nel letto, l’idea di essere una persona speciale mi elettrizza; se è vero, come tutti dicono, che ho un dono, mi aspetto di scoprire a breve di possedere altri poteri, coerenti e ovviamente conseguenti al primo, quali: volare, volare senza mani, volare senza mani canticchiando canzoni, passare attraverso le pareti, passare attraverso le pareti senza mani, passare attraverso le pareti senza mani e canticchiando canzoni.

Non so quando comincerò ad investigare la cosa, per ora mi accontento che sia sabato e che quindi vi siano ben due giorni davanti a me per poter proseguire la mia ricerca.

Tra le altre cose, se con uno sforzo pari a 100 io riesco a vedere il bene o il male di una persona, impegnandomi un po’ meno, diciamo 50, potrei semplicemente riuscire a vedere attraverso i vestiti delle persone, opzione decisamente allettante.

Faccio colazione con pane e nutella, mi vesto e piombo senza avvisare a casa dei miei. Ioli e Bianca sono oramai abituati a queste sortite, in fondo credo a loro faccia piacere.

Sveglio mio padre mentre cerco nel suo armadio i documenti dell’adozione, la smoking gun che certifichi che Quella è stata adottata. Secondo i miei ultimi calcoli, i miei genitori debbono aver adottato una sorta di nascondiglio mobile, un marchingegno tale per cui i documenti appaiono in un posto “x” solo ed esclusivamente durante un arco di tempo stabilito. Poi scompaiono.

Ioli apre gli occhi giusto in tempo per vedermi balzare dentro il suo armadio e gettare al suolo i suoi completi Armani.

“Ma che cazzo fai?!” grida con la voce ancora impastata dal sonno.

“Cerco i documenti, sono certo di averli visti comparire proprio adesso” gli rispondo sicuro.

La mia ricerca alla fine risulta vana, nel mentre Ioli si è nuovamente addormentato, voltato sul lato destro come un bambino.

Decido di scusarmi, se c’è una cosa che non sopporto, è di essere svegliato da rumori improvvisi o da persone sgradevoli.

Mi piazzo acanto a mio padre e dopo alcune spinte, e diversi adorabili fischi nelle orecchie, riesco a fare in modo che apra gli occhi.

“Volevo semplicemente chiederti scusa per averti svegliato poco fa, e per aver inavvertitamente messo a soqquadro il tuo armadio”

Ioli mi fissa alcuni secondi prima di manifestare, attraverso un borbottio simile a quello di un vecchi peschereccio, dei giudizi poco equi e amabili nei confronti di Bianca.

Turbato da queste becere esplosioni di rabbia mal indirizzata, rifletto sul da farsi, poi estraggo silenziosamente il legno appuntito. Ioli ha già ripreso sonno, russa beatamente e nulla sembra turbarlo. Mettere in dubbio la natura del proprio padre non è bello, ma Paolo è stato chiaro, a volte è difficile riconoscere i demoni, e un marito che parla così della propria compagna ha tutte le possibilità di esserlo.

Pungo mio padre sulla guancia, non troppo forte da perforare da parte a parte la carne, ma sufficiente per lacerargli la pelle.

Si sveglia gridando, si guarda intorno spaesato, incapace di realizzare cosa gli sia successo. Mi fissa con gli occhi sbarrati, la mia presenza, e il fatto che io stia ancora brandendo un oggetto appuntito, non lo aiutano a tranquillizzarsi. Si porta una mano sul viso, le dita si sporcano di sangue.

“È sangue” gli dico “per fortuna non è sabbia, non sei un demone, puoi tornare a dormire tranquillo”.

Balbetta alcune frasi senza senso mentre continua a pulirsi la ferita.

Decido di andarmene, offeso dal fatto che non mi abbia nemmeno ringraziato, in fin dei conti gli ho appena rivelato qualcosa di positivo; purtroppo l’ingratitudine di certe persone non ha pari.

Nel tragitto tra la camera da letto e la cucina prendo la seconda decisione importante: non mi sembra corretto che mio padre, per offendere me, pronunci certe frasi su Bianca, dovrà pagarla.

Mi reco da mia madre e le riferisco, tralasciando l’episodio del test per demoni, quanto accaduto; con occhi quasi lucidi le dico che mi sembra un’offesa imperdonabile, per lei come persona, ma soprattutto per lei come simbolo di tutte le donne del mondo.

Mi spingo a dire che lasciarsi offendere in questo modo dal proprio compagno, altro non è che l’inizio di una rovinosa caduta per lo spirito e la serenità di coppia.

Appena vedo che Bianca si toglie il grembiule, decido che è arrivato il momento di andarmene. Le pungo il sedere con il bacchetto, non cade sabbia…bene. Lei sembra non farci caso, ha la mente altrove.

Chiudo la porta nel momento preciso in cui mia madre comincia a tirare su le tapparelle della camera di Ioli gridando “e così secondo te io sarei una puttana”.

Torno a casa e mangio rapidamente una mozzarella di bufala, solo in un secondo momento valuto che forse avrei fatto bene a lavarmi le mani prima.

Mi addormento davanti alla tv, apro gli occhi verso le 15.30, il momento migliore per cominciare la mia caccia.

Armato di bacchetto, inforco la mia fida Graziella e sfreccio come un fulmine per le vie del centro. Mi sembra di essere uno di quegli antichi cavalieri dei tornei medioevali, con la piccola differenza che loro cavalcavano splendidi purosangue e combattevano con lunghe lance.

La gavetta la fanno tutti, rifletto, avranno cominciato con Graziella e paletto di legno pure loro.

Animato da splendidi propositi, parcheggio la bici e do inizio alla caccia.

Le prime due ore le passo scrutando con attenzione i volti delle persone, in attesa anche di un solo cenno di trasformazione. Un viso che diviene cavallo, una tonalità di pelle verde rospo, una dentatura improvvisamente simile a quella di un coccodrillo. Niente di tutto questo accade, sono circondato da decine di persone, e nessuna di queste sembra essere un demone.

C’è chi parla, chi ride, chi mangia un gelato. Genitori sorridenti portano a spasso piccole pesti, fidanzati innamorati camminano per mano e dichiarano al mondo la loro passeggera felicità.

Per prevenire l’ovvio calo di entusiasmo, decido quindi di passare alle maniere drastiche, e mi dedico a pungere le braccia e i sederi di chi mi capita a tiro.

Ricevo offese, sguardi terrorizzati, un tentativo di pestaggio che evito per pura fortuna; non incontro demoni, qui sembrano tutti santi, peggio che vivere in Vaticano, rifletto.

Le ore passano e con esse va scemando la mia voglia di salvare il mondo; verso le 19 decido di fare l’ultimo tentativo e, forte del mio abbigliamento non troppo distante dalla decenza, mi reco nella piazza dove si svolge il rito dell’aperitivo.

Centinaia di ragazzi, giovani e meno giovani, si radunano durante i week end e passano ore bevendo in compagnia. Chi organizza la serata, chi approfitta di quei minuti per salutare gli amici prima di buttassi nuovamente sui libri.

La piazza è una gigantesca passerella dove ragazzi e ragazze sfilano, giudicano e si lasciano giudicare in base al proprio look, carisma e abilità sociali.

Ammetto che mai fino ad oggi mi ero spinto tanto addentro a questo mondo, non conosco il 99% di queste persone, e l’1% che sa chi sono, finge di non vedermi.

Ordino uno spritz e rimango in silenzio ad osservare le dinamiche di gruppo: tendenzialmente mi pare di capire che gli alfa stanno con le alfa, chi non appartiene a tale gruppo privilegiato si accontenta di circondarsi di amici dello stesso sesso.

Prima deduzione: se sei figo, hai anche il coraggio di parlare con le donne, se sei brutto, rimani in cerchio con i tuoi amici a raccontarti le stesse storie di sempre.

Le donne alfa sono o forse meglio dire, sembrano, tutte bellissime. Il trucco e i vestiti sono fatti apposta per catturare l’attenzione degli uomini presenti. Racconti quasi bisbigliati sottolineati da risate a crepapelle sono la normalità. Se non parlano con un maschio alfa, le donne alfa rimangono in piccoli gruppetti il cui unico scopo sembra essere quello di osservare gli altri e bisbigliarne apprezzamenti o drastiche stroncature.

Anche se non riuscirò a scovare dei demoni questa sera, rifletto, almeno posso dire di essere sopravvissuto ad una serata di aperitivo.

Finisco il mio cocktail e quando torno al banco per riporre il bicchiere individuo nuovamente la Donna Poncho.

Non saprei dire cosa mi colpisca, di certo dall’ultima volta che la ho vista mi è capitato in diverse occasioni di pensare a lei. C’era qualcosa di strano nel suo modo di fare, o probabilmente era una semplice sensazione, fatto sta che senza pensarci un secondo, la vado a conoscere.

“Tu per me sei la Donna Poncho”.

L’apertura è di quelle memorabili, la ragazza distoglie per un momento gli occhi dal suo iPhone e mi guarda con sospetto.

“Prego?”

“Non devi domandarmelo” rispondo, “ritengo che la preghiera sia una cosa molto intima, ciascuno sceglie i modi e i tempi in cui ricercare un contatto con colui che ritiene essere il creatore. Io ad esempio credo in Sgudibla, il tuo Dio potrebbe essere il Signor Dio o il Signor Allah, a me questo non importa molto, tanto sono consapevole di avere ragione e quando riuscirò ad organizzare un esercito di mercenari, darò il via ad una nuova ondata di crociate contro voi miscredenti e vi sterminerò. Fino ad allora, prega pure chi vuoi e quando vuoi”.

Fisso impassibile la ragazza che non mi dà l’impressione di aver capito molto.

“Ci conosciamo scusa?” dice lei.

“Ti ho vista lunedì scorso, uscivo dallo studio del dottor Fabiani, eri al telefono, indossavi questo stesso poncho, ti ho riconosciuta per questo”.

Probabilmente tocco un tasto delicato perché la vedo arrossire di colpo: “Guarda deve essere proprio un caso perché sarà la terza volta in vita mia che indosso questo poncho, che tra parentesi è di Valentino e mi è costato un patrimonio”.

“Comprato usato quindi”.

“No..come usato, nuovissimo. Ma ti pare, io che compro qualcosa di usato, ma sei fuori? Che schifo!”

“Tu hai detto che è di un tal Valentino, per questo immagino sia usato. Almeno una volta dico, lo avrà usato questo poncho il tuo amico Valentino, tecnicamente quindi è usato”.

“Ma no che hai capito, Valentino lo stilista! Il poncho è di Valentino lo stilista, lo ho comprato nuovo…ma senti scusa, tu chi sei?”

La spiegazione della Donna Poncho non è stata sufficientemente esaustiva, il dilemma nuovo/usato rimane, ma decido di sorvolare per il quieto vivere.

Allungo una mano verso di lei, “Mi chiamo S…”

“Scusa, scusa un secondo solo” mi dice mentre si porta il telefono all’orecchio.

Comincia a parlottare. “Sono dentro il bar…sì per favore help, e veloce anche, dai ti aspetto..sì già ti ho visto, sbrigati”.

Chiude la telefonata e mi guarda, io sono ancora con la mano a mezz’aria.

“Katy” mi dice stringendomi la mano.

“Molto piacere Katy, io sono S…”

“Puppy tesoro!”

Il grido di Katy è rivolto ad un ragazzo che ha appena messo piede nel locale, immagino si tratti della persona con il quale parlava al telefono. La ragazza gli fa cenno di raggiungerci e quando arriva, lo abbraccia con passione.

Una sorta di cappa di vetro scende sopra i due, io vengo scaraventato con forza al di fuori della loro esistenza.

Katy mi volta parzialmente le spalle, mi ritrovo dietro di lei e fissare Puppy, che non ha avuto nemmeno la cortesia di presentarsi. Ci rimango male, offeso, escluso in malo modo senza un motivo apparente.

Estraggo il paletto ma nel momento in cui mi accingo a verificare la mia intuizione, la ragazza si gira.

“Puppy questo è…Sandro, un tipo che ho conosciuto…dal medico”.

Poi si rivolge a me: “Perché non mi vieni a trovare questa sera? Io lavoro al Blue. Baci baci”. Si volta e si allontana.

Rimango come uno scemo, in silenzio, nel bel mezzo di un bar.

I due escono senza lasciarmi la possibilità di ricordare loro che non mi chiamo Sandro, e che non so assolutamente cosa sia il Blue. Una cosa però non se ne va con loro, e anzi cresce man mano li vedo ridere sguaiatamente e guardare verso di me, ed è la rabbia nei confronti di un altro possibile demone, la Donna Poncho.

Il Blue è un locale, non ci metto molto a scoprirlo. Il bar è tappezzato di volantini che pubblicizzano “Il sabato notte fashion, dove moda, stile e divertimento si incontrano”, non dista nemmeno troppo da casa mia, vedrò di farmi trovare pronto.

Alle 23 sono in fila fuori dal locale, le porte sono state aperte da circa 30 minuti ma attualmente passano solo tavoli e ragazze. La selezione all’entrata è ad opera di un ragazzo sui trent’anni, il sole o le lampade, hanno danneggiato più del dovuto la sua pelle, sembra il figlio scemo di Clint Eastwood.

Per uno strano effetto visivo ho come l’impressione che tutte le ragazze che stanno saltando la fila siano uguali: le acconciature sono tutte impeccabili, così come i capi che indossano. I tacchi vertiginosi le fanno sembrare amazzoni che al posto dell’arco portano le immancabili Louis Vuitton. Piccole, medie, grandi, vedo LV ovunque, come se ad un supermercato invece di borsette Ipercoop avessero fornito alla clientela femminile sacche da 2000 euro.

Vedo arrivare Katy, passa la fila senza degnare alcuno di un minimo sguardo, si ferma a baciare platealmente il piccolo Clint che ora scopro chiamarsi Pippo.

Guarda verso noi comuni mortali, incrocia il mio sguardo ma finge di non avermi visto.

Passa almeno un’altra ora prima che io riesca ad arrivare davanti a Pippo, nella tasca della giacca stringo il mio paletto di legno, mi fa sentire tranquillo sapere di averlo al mio lato.

Molte persone se ne sono già andate, quasi esclusivamente ragazzi, stanchi di aspettare, ma soprattutto di sentirsi dire che il locale è completo, salvo poi vedere gruppi di alfa arrivare e passare.

Rimango in silenzio, non spingo, non impreco, alla fine entro. Se avessi avuto qualche dubbio sul perché chiamare un locale Blue, i primi 10 secondi all’interno sono sufficienti a chiarirmi le idee, sembra di stare nella casa dei Puffi.

Azzurro, blue e bluette ovunque, dalla console alle camicie indossate dai camerieri. Faccio un rapido giro del locale, giusto per poter raccontare un giorno di esserci stato. All’interno ci saranno al massimo 500 persone, in gran parte uomini.

La pista è piena, un vocalist alquanto fastidioso ha appena finito di salutare il “tavolo Franco, Roberto, Ruby e Puppy“.

Ci siamo, penso, se c’è lui, ci sarà anche lei. Mi avvicino al tavolo Puppy, è popolato da un folto numero di ragazzi che hanno esultato come pazzi udendo il loro nome al microfono, contenti loro. Vedo Puppy, lui non vede me.

Con mio sommo dispiacere mi accorgo che Katy non è con loro.

“Apri lo shampoo Puppy, apri lo shampoo”

Le grida del vocalist non le capisco, vale davvero la pena dire ad una persona per microfono che ha bisogno di lavarsi i capelli?

Alla fine riesco a vedere Katy. E’ al tavolo con un gruppo di ragazzi che avranno al massimo trent’anni. Sta bevendo da un flute e sembra ballare svogliatamente.

A turno i ragazzi le si avvicinano, lei scherza e parla con tutti ma poi torna a chiudersi in se stessa. La vedo perdere l’equilibrio per un attimo e cadere seduta sul divanetto. Ride da sola, probabilmente è un po’ brilla.

Abbandona il tavolo e si dirige verso il bagno, decido di affrontarla all’uscita.

Quando esce si avvicina al bar ed ordina qualcosa, mi metto accanto a lei.

“Ciao Donna Poncho” dico sorridendo.

Per un attimo sembra non riconoscermi, poi appoggia la mano sulla mia spalla e scoppia a ridere: “Sandro giusto? Alla fine sei venuto, bravo”.

E’ evidentemente ubriaca.

“Ti ho vista poco fa al tavolo con i tuoi amici, puoi rimanere a parlare o vai da loro?” domando.

Mi guarda perplessa. “Amici? Ma no, sono un tavolo che viene sempre qui il sabato, sono andata a fare immagine”.

Il mio sguardo smarrito la convince a proseguire.

“Io ci lavoro qui, faccio immagine. Mi pagano 150 euro per andare ai tavoli e parlare con gli sfigati”.

“Non capisco” le rispondo “come sarebbe che ti pagano per parlare?”

“Ma dove vivi?” ridacchia. “Funziona così: gruppi di amici sfigati prendono un tavolino, uno di loro è quello con il grano. Arrivano in disco, ordinano una bottiglia di qualcosa che costa loro 180 o 200 euro, non so. Lo fanno perché così hanno la scusa per invitare le ragazze. Solo che una come me non potrebbero abbordarla” ride ancora “quindi il boss del locale paga me e altre per andare al tavolo da quelli. Loro si sentono importanti e per impressionarci, comprano ancora da bere. Poi ci chiedono il numero di telefono convinti di averci conquistate, e noi o lo diamo finto, o non rispondiamo mai!”.

“Che razza di sfigati” dice e scoppia a ridere appoggiandosi ancora a me.

Si fa improvvisamente seria e mi fissa. “In teoria non dovrei parlare con te, mi rovini la piazza”.

Rimango in silenzio.

“Cioè, non ti offendere, ma io frequento un certo livello di gente, esco con imprenditori, non con mezze seghe. Se mi vedono con te, magari pensano che abbia bisogno e tirano sul prezzo”, sorride.

Continua a parlare. “Forse non te lo dovrei dire, ma tanto sono ubriaca. Sai con chi ho una storia?”

Si avvicina e mi sussurra nell’orecchio il nome di un noto calciatore.

“Lui è fidanzato, ma dice di essere pazzo di me”.

Mi guarda, sembra che si aspetti una qualche reazione che ovviamente non riceve da me.

“Io gli sfigati qui nemmeno li cago, senza offesa sai, però cerca di capire, nessuno di questi qui si può permettere una come me”.

“In che senso scusa?”

Ride ancora e mi fissa. “Lo hai capito benissimo in che senso dai, vuoi una cosa bella? La paghi. E’ così in tutto”.

Nella mia testa ora si affollano molti pensieri. La razionalità mi dice di credere a quanto lei ha appena confessato, anche se in fondo, c’è una piccola parte di me che spera di non aver capito bene, e di aver frainteso le parole di Katy.

Non sono certo se sia pena o disprezzo quello che provo, di certo mi ha tolto l’energia e il desiderio di continuare la conversazione.

“E dai, non fare quella faccia, non sono l’unica ti assicuro”.

Si avvicina a me, le nostre labbra si sfiorano, odora a prosecco di terza categoria rivenduto al prezzo di uno champagne.

“Ti piaccio vero? Tu li hai i soldi per permetterti una come me? Posso essere davvero brava”.

Per due secondi non dice nulla, sento il suo respiro su di me, poi mi spinge via e ridendo esclama: “no che non ce li hai i soldi, sei uno sfigato e pezzente come quelli!”.

“Katy amore, dove eri finita, ti stavamo aspettando per aprire una bozza di shampoo”.

Uno dei ragazzi del tavolino in cui prima la avevo notato si è avvicinato a noi. Mi guarda in cagnesco e afferra la giovane per il braccio.

Lei mi sorride e senza smettere di fissarmi si muove verso la pista.

Anche se non servirebbe alcuna conferma, mi avvicino rapidamente e colpisco il jeans Cavalli di Katy con il bastoncino.

La sabbia comincia a scendere, vedo una piccola ma continua cascata d’oro formarsi.

La afferro per l’altro braccio e la tiro a me.

Mi fissa spaventata.

“Non andare, non buttarti via”, è l’unica cosa che riesco a dirle.

Dopo il primo secondo di smarrimento lo sguardo di Katy si fa duro: “Ma chi credi di essere tu per dirmi cosa è giusto e cosa è sbagliato? Io sono bella, giovane e faccio il cazzo che voglio, ok? Scopo con chi mi pare e quando mi pare, e se ho voglia di una nuova Louis Vuitton me la compro domani, perché prendo più io in 1 ora che un pezzente come te in un mese. E adesso, paladino e salvatore delle giovani anime, allontanati da me, non farti più vedere. Se devi salvare qualcuno, guardati intorno..ce ne sono di anime in pericolo, più di quante tu possa immaginare.

Torna saltellando verso il tavolino, le porgono un bicchiere di shampoo, spero non sia tossico.

Fermo in mezzo alla discoteca mi guardo intorno…e mi accorgo per la prima volta di essere circondato da molte, troppe Donne Poncho.

Cap 32 – Il rituale

Per valutare sensazioni, pensieri ed intenzioni è fondamentale saper discernere l’agio e il disagio nei comportamenti. Banalizzando si può dire che il disagio lo si possa percepire attraverso condotte indicative di stress.

Nella speranza di riacquisire una sorta di equilibrio venuto a mancare in occasione di un evento negativo o traumatico, il cervello ordina al nostro corpo di eseguire alcuni comportamenti che vengono detti pacificatori.

I bambini si succhiano il dito, i cani e i gatti si leccano, il Fabiani non smette di strofinarsi la fronte con la mano, io sto finendo di mangiarmi anche l’unghia del mignolo della mano destra.

Entrambi siamo a disagio, sono bastate le parole taglienti di una anziana signora per metterci a tacere, e smascherare d’incanto una deprecabile prassi.

Mi muovo nervosamente sulla sedia, cambio spesso di posizione; la situazione non muta quando decido di accavallare le gambe: questa volta è il piede che come impazzito inizia a muoversi, sembra che sia animato di vita propria, non riesco a fermarne il movimento.

Nessuno dei due ha il coraggio di affrontare l’argomento Ada, probabilmente entrambi siamo alle prese con una rapida analisi di quanto appena accaduto.

A rompere il ghiaccio ci pensa il dottore, una volta riacquistata la sua calma e postura. Indossa un completo nero con camicia a righe bianche e azzurre. Noto le iniziali bordate appena sotto il cuore, il Fabiani commissiona camicie su misura, un punto a suo favore rifletto.

La cravatta è l’unica nota stonata dell’insieme, il giallo canarino è davvero un pugno in un occhio, ne deduco che il dottore sia single e non abbia a casa una compagna capace di frenare sul nascere certe imprudenze.

Nel complesso però l’immagine non è così disastrosa, direi che forse riflette appieno l’idea che mi sono costruito di lui: professionale, ma un po’ eccentrico.

“Direi che per ora potremmo sorvolare sull’increscioso episodio appena capitato e fingere che nulla sia mai accaduto, che ne pensa?”.

Il Fabiani ha rotto il silenzio che stava consumando inesorabilmente i pochi minuti a mia disposizione. La sua proposta in fin dei conti mi aggrada, anche se ho come l’impressione che la piccola vecchietta sia riuscita a colpirmi molto più profondamente di quanto io voglia ammettere.

“Fingo sistematicamente anche i miei orgasmi, non avrò alcun problema nel dar ad intendere di non aver mai incontrato quella gentile signora”.

“Realmente lei finge gli orgasmi?”

“Solo quando mi annoio molto o c’è South Park in televisione”.

Fabiani annota la cose nel suo block notes senza mai perdermi di vista, sembra sinceramente colpito dalla mia rivelazione.

“Un giorno mi spiegherà tecnicamente come avviene la cosa, insomma..c’è una parte della dinamica che non mi è perfettamente chiara”.

“Non sarà un problema, io prendo 65 euro all’ora e la spiegazione dura tra i 40 e i 45 minuti”. Sorrido.

Fabiani sembra insensibile al mio umorismo, rimane impassibile a scrutare il mio volto.

“L’ultima volta che ci siamo visti, avevamo cominciato a parlare di sua madre”, il dottore controlla per un attimo i suoi appunti prima di procedere, “Bianca”. “Ha per caso pensato a quanto ci siamo detti?”

“A dire il vero no, non ci ho pensato. Ho notato però che la settimana è andata abbastanza bene. Sono andato al lavoro, ho chiamato e visto nuovamente alcune persone che non vedevo da tempo. Avevo voglia di farlo e mi è sembrato il momento giusto. Ho anche parlato con Quella, la poverina quasi piange per la sorpresa”.

“Quindi possiamo dire che tutto sommato lei questa settimana ha preso delle iniziative, corretto?”

La dinamica mentale è assolutamente affascinante, positiva o negativa che sia, riesce sempre e comunque ad attuare una rielaborazione del tuo vissuto e delle tue esperienze, affinché sposino l’immagine di te che ti sei creato.

“Ma queste non sono vere iniziative, sono delle mezze stronzate…i problemi continuo ad averli, la MCI mi perseguita”.

Questa volta percepisco un piccolo movimento nel volto del Fabiani, il lato destro della sua bocca si solleva impercettibilmente ma quanto basta per darmi l’impressione che stia sorridendo.

“Continui a parlarmi di Bianca”, mi esorta.

“Bianca come le ho raccontato è la spina dorsale della famiglia, è una donna incredibile che ha sempre un sorriso e una parola di conforto per tutti. Sembra animata da un’energia e un amore per la vita infinito. E’ una lavoratrice instancabile, anche se è stanca morta riesce comunque a farti trovare sulla tavola il piatto caldo, e prima che tu abbia deciso di alzarti da tavola, ha già lavato i piatti e sistemato. Io la ammiro molto, come le ho detto, è una donna fantastica”.

Questa volta è il turno del dottore. “Avrà per caso qualche difetto Bianca? Le ripeto la domanda dell’ultima volta: come è possibile che di una donna così perfetta, lei non conservi nemmeno un ricordo positivo?”

Speravo di aver già esaurito l’argomento la settimana passata ma evidentemente per il dottore non è così, sento un certo nervosismo montare, un misto di rabbia e frustrazione. Non capisco perché questo distinto signore stia rovistando in una parte di me, quando in teoria lo pago per risolvere una malattia del tutto differente.

“Ma noi non siamo qui per curare la MCI?” Rispondo impettito.

Nuovamente quello strano sorriso, il dottore si starà forse burlando di me?

“Si ricorda l’ultima volta? Le ho chiesto come mi vedeva, e lei mi ha risposto…aspetti che le leggo le parole esatte: “Professionale, deciso e capace”.

“Sono stato per caso poco chiaro nel dirle che avrei voluto prima sapere alcune cose in generale su di lei, per poi procedere con la cura?”

“Me lo ha detto”.

“Quanto tempo abbiamo passato qui oggi?”

“Direi 15 minuti”

“Più o meno; mi può concedere il beneficio del dubbio e procedere ad una valutazione solo alla fine del tempo da noi pattuito, lasciandomi proseguire ancora un po’ su questo terreno?”

La logica è ferrea e la costruzione delle domande non mi lascia alcuno spazio di manovra, acconsento con un semplice cenno della testa.

“A dire il vero un ricordo di Bianca lo ho, però non è positivo. La avverto che è una stupidata, solo che le sue parole me lo hanno fatto venire alla mente, e non mi ha abbandonato durante questa settimana”.

“Me ne parli”.

“Bianca è sempre stata…ossessiva: con la scuola, con i compiti, con le cose “da fare”. Ricordo che sin da piccolo, potrei parlarle già a partire dalle scuole elementari, Bianca era la voce fuori campo che in ogni momento mi ricordava i miei doveri. Questo avveniva sia quando oggettivamente vi era la necessità, sia quando io sapevo di aver fatto il mio lavoro, ero conscio che potevo prendermi del tempo libero, avevo voglia di uscire a divertirmi”.

“Per Bianca questi momenti non dovevano esistere, dovevo approfittare per studiare e portarmi avanti con i compiti. Le sue parole “studia”, “studia”, “portati avanti con i compiti” erano un flagello per la mia voglia di divertirmi. Mi hanno come distrutto la capacità di gioire, di rilassarmi al 100%. Non c’era mai il divertimento puro, c’era sempre Bianca dietro ad impormi il limite”.

“E’ buffo, perché se c’è una cosa che io mi rimprovero oggi, è proprio quella di non sapere godere delle cose”.

“Lo trova buffo?”

Sento nuovamente in nodo alla gola, e improvvisamente ho voglia di piangere. Cosa mi sta succedendo, da dove nasce questa maledetta reazione emotiva? Respiro profondamente ma l’aria sembra non voler entrare nei miei polmoni. Mi agito.

Il silenzio del Fabiani amplifica il mio sconforto tanto che vorrei prenderlo a pugni per quello che mi sta facendo. Chi cazzo credi di essere per ridurmi così con le tue domande? Chi sei tu vecchio squinternato per mettere in dubbio Bianca?

Prende la parola il dottore.

“C’è un bambino, diciamo di 6 o 7 anni che non ha ancora maturato, e affronta per la prima volta la scuola, che impone regole e disciplina. Il passaggio dovrebbe essere graduale, come lo è il percorso di apprendimento. Dovrebbe esistere la scuola, ma non dovrebbero scomparire i giochi.”

“Il bambino è sveglio, svolge i suoi compiti e il suo dovere, avrebbe voglia di uscire, di andare a giocare, di godere dei suoi meritati momenti di svago. Ma ad ostacolare tutto questo vi è sua madre. Non sappiamo quanto spesso si metta di traverso tra questo piccolo e il suo mondo di giochi, ma sicuramente in maniera sufficiente da far interiorizzare al bambino almeno due cose, mi dica lei quali sono”.

Le parole mi escono di bocca quasi per incanto: “Io ho interiorizzato questo ricordo, martellante, della sua voce che mi impone di studiare”.

“Altro?”

Ho paura di quanto sto pensando, sento che sto per aprire una porta, e che una volta fatto, non vi sarà marcia indietro. Mille pensieri affollano la mia mente, sento un vociare assordante che mi fa scoppiare la testa.

“Bianca…Bianca è stata troppo dura con me. Ha cercato di inculcarmi la disciplina e il concetto di dovere, ma così facendo mi ha impedito di essere davvero un bambino. Ero piccolo, non avevo bisogno di un aguzzino, avevo solo voglia di giocare con Mauro e gli altri amici!. Anche quando uscivo a divertirmi, non ero mai tranquillo, perché c’era sempre qualcosa che avrei potuto fare. Invece di gioire come solo i bambini riescono a fare, io sentivo di infrangere delle regole, percepivo che la stavo deludendo, che lei non approvava quanto io stavo facendo”.

“Da piccolo mi è stata preclusa la possibilità di apprendere a gioire, di fare quello che davvero mi piace. Ho quasi 37 anni, mi rendo conto che sto ancora pagando pegno per tutto questo”.

“Ancora oggi non sono ancora capace di trovare una strada, perché non desidero nulla; non lotto per nulla perché ancora non posso provare piacere, non so come si faccia”. “Sono ancora quel bambino che associa al divertimento la sensazione che sia sbagliato e proibito”.

Le rivelazioni in me si susseguono con la forza dirompente di una slavina, mille luci si accendono nella mia testa, mille concatenazioni logiche illuminano il percorso che mi ha condotto ad essere quello che sono.

“Tutte le volta che mi trovo davanti ad una possibilità, ad una occasione, non sono capace di vederne l’aspetto positivo, mi è preclusa questa facoltà, ne vedo solo i problemi, le possibili implicazioni negative, in poche parole davanti a me ho sempre la più banale interiorizzazione possibile delle paure e ansie che Bianca mi ha inculcato. Ancora oggi non vi è nulla così potente da…far tacere mia madre”.

Mi porto la mano alla bocca e fisso con gli occhi sgranati il Fabiani. Sono sconcertato, ho parlato con quest’uomo 30 minuti e d’incanto si è illuminata una parte di me che io non sapevo che esistesse.

“Direi che per oggi può bastare così, adesso pensiamo a curare questa MCI”.

Fabiani estrae da una cassetto un sacchetto di pillole bianche e lo sistema sul tavolo.

“Attualmente queste pastiglie rappresentano quanto di più innovativo ed efficacie in commercio per la cura della MCI. Le ho avute da un amico che lavora in una multinazionale farmaceutica”.

“Si tratta di un prodotto che ancora non è in commercio, anche se per forma e sapore potrebbero sembrarti delle Mentos”.

“La peculiarità di queste pillole è che si attivano con il comportamento, ti spiego come: se adesso tu decidessi di prenderne una, non ti farebbe alcun effetto. Affinché le pillole funzionino, è necessario che tu segua il rituale di attivazione. Come vedi sono 7, una per ogni giorno della settimana che ci separa dal prossimo incontro. Non è importante come ti dicevo la pastiglia, quanto il rituale che cambia di giorno in giorno. Le ho scritto tutto qui, lo legga per favore.

Mi porge un foglio stampato su carta intestata, il titolo è: rituale di attivazione delle pillole anti MCI.

Sul fondo risaltano il timbro e la sua firma.

GIORNO UNO: togliersi le scarpe e rimanere per 3 minuti e 14 secondi davanti ad uno specchio. Cantare l’inno nazionale italiano. Mangiare la pillola. Attenzione a non masticarla, e soprattutto a non utilizzare Coca Cola per deglutire.

Questo rituale aiuta a ritrovare il legame con la propria terra natia.

GIORNO DUE: disporsi lungo i bordi del letto e lasciarsi cadere a peso morto sul materasso 5 volte. Mangiare 3 scatolette di carne Simmenthal pensando intensamente di essere la simpatica e leggiadra Kaori. Inghiottire la pillola.

In questo caso attiviamo la propensione al rischio e alle cose sconosciute.

GIORNO TRE: vestirsi da monaco buddista e/o prete e/o monaca e guardare per almeno 3 volte il DVD Il Codice Da Vinci. E’ fondamenta offendere in malo modo Silas, il monaco albino, ogni volta che venga inquadrato. Alla fine della terza proiezione, inghiottire la pastiglia.

Il rituale serve a ricongiungerci con la nostra spiritualità.

GIORNO 4: recarsi in centro e cercare di conoscere alcune ragazze utilizzando una o più di queste frasi: “Caspita, che bella topa che sei”; “Complimenti alla mamma”; “Sono tutte tue o le hai comprate in latteria”; “Cosa fai tu di cognome, Viagra?”. Mangiare la pillola dopo almeno 4 tentativi.

Rituale che ci pone in contatto con la nostra femminilità e ci prepara a tutti i futuri rapporti con le donne.

GIORNO 5: seguire il TG1, TG5, il telegiornale di RETE 4 e prestare molta attenzione alle affermazioni di Fede, Capezzone, Calderoli e Gasparri e della signora Santanché.

L’obiettivo è quello di capire che la vita può davvero essere dura e renderci infelici.

GIORNO 6: Armato di un Cicciobello il paziente dovrà passeggiare per almeno 1 ora per la città. L’unico aspetto da tenere in considerazione è che per tutta la durata del rituale, il paziente dovrà comportarsi come un genitore e chiamare il bambolotto con un nome proprio di persona, ideale sarebbe utilizzare il nome del paziente stesso.

Questo è ovviamente il rituale che punta a sbloccare il rapporto con Bianca e tuo padre.

GIORNO 7: per almeno 1 ora dovrai camminare all’indietro e trasportare pesi da 8 kg. Una volta finito, dovrai mangiare l’ultima pillola.

Il rituale, per quanto criptico, punta a far capire quanto a volte sia duro essere se stessi.

Finisco di leggere i dettami e mi ritrovo a fissare nuovamente la cravatta giallo canarino del dottore.

“Le sembra tutto chiaro?”

“Direi di sì”.

“Mi dica adesso, prima di salutarci, come le è sembrato il nostro incontro”.

Anche questa volta non ho difficoltà ad ammettere che qualcosa di inusuale ed inaspettato sia avvenuto; quella improvvisa esplosione di emotività ha lasciato il segno e soprattutto ora ho in mano una cura alla mia malattia.

“Mi è piaciuto, mi ha sconvolto, ancora una volta mi ha stupito in positivo. Mi è sembrato una persona che…sapeva dove andare a parare”.

Questa volta il sorriso è più evidente, ma dura solo un attimo, e come un soffio, scompare.

Pago quanto dovuto e mi avvio verso casa.

Cap 24 – Lezioni d’amore

“Vedi Stefan, dal mio punto di vista il tuo errore è credere che la donna ti stia facendo un piacere a stare con te, che sia una sorta di concessione o regalo. In realtà tu devi metterti in testa che se lei ha deciso di venire a letto con te, è semplicemente perché tu le hai dimostrato che meglio di te non può avere, e che è assolutamente ovvio che voi due facciate sesso insieme. Mi capisci?”

Stefan accenna timidamente un sì con la testa e volge il suo sguardo fuori del finestrino. I suoi occhi vagano raminghi nel girone infernale della zona industriale, ove giovani donne espongono il loro corpo per il ludibrio e sollazzo di uomini senza dignità.

Occhi tristi, strappati alla loro giovinezza dalla folle utopia del benessere, occhi senza lacrime, sprecate per lavare dal viso l’offesa loro inferta dall’ipocrita coraggio del conquistatore a pagamento, per strappare dall’anima il segno indelebile della violenza lenita dal denaro.

È il triste mercato dei corpi, la macelleria a cielo aperto di una società che non ama i suoi figli, che non parla loro di valori differenti a denaro e successo, dove anche un politico, impunemente, può affermare che prostituirsi per ottenere, non solo è lecito, ma anche comprensibile.

Madri, padri, amanti, amici, decine, forse centinaia di persone che hanno visto quegli occhi bambini, quei sorrisi innocenti. Distanti centinaia di chilometri, lasciano ingenui complici o perfidi aguzzini, che il drago banchetti con i corpi e il futuro delle loro giovani rose.

Gli abbaglianti del Mercedes in sosta dal lato opposto della strada sono ancora accesi, ancora qualche minuto di trattativa e anche per stasera la passione animale sarà soddisfatta, giusto in tempo per tornare a casa, baciare sulla fronte l’appassita moglie, e gettarsi stanchi ed affamati sulla pastasciutta fumante.

La macchina ora corre silenziosa lungo la triste tangenziale ovest della città, a destra e sinistra vedo solo capannoni, alcuni ancora illuminati, altri semplicemente silenziosi, edificati come statue senza tempo, scrigni di un immaginario raccapricciante, fatto di sogni infranti, di ricchezza mai raggiunta, di speranze smorzate come fiamme al vento. Sono le folli icone di un progresso cercato senza sosta, altare sopra il quale vite e sorrisi si sacrificano giornalmente.

Sono passati tre giorni dalla cena con i miei, i sensi di colpa non hanno smesso di lacerare mia madre. Bianca non ammette a se stessa di avermi mentito, di avermi detto una piccola ed innocente bugia per attirarmi in una ben congegnata trappola.

“Una madre che mente ad un figlio, che scandalo, mai si è vista una cosa del genere”.

Mi ha telefonato tutti i giorni alle 4, alle 5, alle 5.30, con la voce rotta dal pianto, disperata a suo dire per aver gettato alle ortiche un lavoro durato 36 anni.

Esiste una pozione magica, un sortilegio, un idolo da venerare che mi aiuti a convincere mia madre che realmente non sono offeso, che sinceramente continuo a fidarmi di lei, che il mio sviluppo psicologico non è stato per nulla compromesso dalle sue azioni? Credo di no, quindi vale la pena assecondarla.

Eccomi quindi ingabbiato in uno dei suoi pittoreschi tentativi di scusa, costretto contro il mio volere a partecipare ad una stupida festa, “per ampliare le mie conoscenze, per uscire, per distrarmi”, in realtà solo per lenire il suo senso di colpa, farla sentire con la coscienza a posto, farle poter credere di avermi in un qualche modo aiutato.

Ho deciso di portare con me Stefan, se dovessi annoiarmi o essere cacciato, avrò qualcuno con cui parlare e sfogarmi. Stiamo viaggiando oramai da almeno 20 minuti, il discorso langue. Stefan non è un abile oratore, spesso le parole bisogna cavargliele di bocca.

Fatico a gestire il silenzio, è sempre stato così sin da quando ero piccolo. Il silenzio mi crea imbarazzo, mi rende inadeguato. In uno dei miei sogni più ricorrenti sono nuovamente davanti alla commissione di maturità, mi sento a mio agio, ho studiato a dovere. La domanda che però mi viene rivolta squarcia l’aria come una freccia acuminata diretta al bersaglio. Non sono preparato, in realtà realizzo che non ho mai aperto il libro in tutto l’anno, farò scena muta, verrò bocciato.

Mi sto annoiando, detesto guidare, e mi aspettano almeno altri 20 minuti di macchina; mio cugino Luca vive a Caorle ma nell’occasione saremo ospitati nell’appartamento di una sua incosciente amica a Porto Santa Margherita.

“Io dico che con quattro o cinque piccoli accorgimenti, tu di donne Stefan potresti averne quante ne vuoi”. Attendo alcuni secondi prima di completare la frase, “anche Flavia, ho visto come la guardi, per me ti piace, e non poco”.

Anche se non ne ho l’assoluta sicurezza credo di percepire un piccolo sorriso nel volto del ragazzo.

“È bella, mi dice dopo un po’, e poi è sempre nuda”. Ridacchia in modo sommesso, a volte realmente mi fa tenerezza.

“Se mi permetti un consiglio da amico, tu lo dai troppo a vedere che ti piace. Le ragazze amano le cose più difficili, i tipi meno facili da ottenere, qualcuno che sia servizievole e pazzo di loro lo trovano quando vogliono, mentre tu devi farti desiderare di più, mi capisci?”

“Mi hai chiamato amico, è la prima volta che succede”.

“Mentivo, era per portarti a letto”.

La battuta non viene capita e Stefan lentamente si allontana da me avvicinando le spalle alla portiera.

“E’ uno scherzo, idiota, non ti voglio portare a letto, stai tranquillo”.

“Stefan le donne sono esseri complicati, per riuscire a conquistarle devi prima di tutto riuscire a catturare la loro attenzione, devi riuscire a far capire loro che tu non sei come la massa di sfigati che le vanno a conoscere e sono capaci di parlare solo di lavoro, di riempirle di banalità del tipo “Sei bellissima” e di offrire loro da bere”.

“In questo tu potenzialmente parti molto avvantaggiato, sei molto più originale della stragrande maggioranza di persone che conosco, sei schietto e diretto, non hai paura di niente, questa è una caratteristica che alle donne piace”.

“Quello che ti frega a mio modo di vedere è la fase due, quando devi dimostrare alla ragazza che ha fatto bene a badarti. È come se lei dicesse: tra questi 100 ho scelto te, non voglio pentirmene, dimostrami che sei speciale”.

“Io credo tu sia un po’ carente in questa fase. Il modo migliore per conquistare una donna Stefan è dimostrare di avere un carattere, di non aver paura o reverenza nei suoi confronti, di avere le palle”.

“Le donne sono attratte per natura dal maschio alfa del gruppo, anche se tutte lo negheranno fino alla morte, in realtà è così. Posso assicurarti che davanti a due uomini, uno bello ma con la personalità di un calzino, e uno normale ma con un carattere da leader, che saprà parlare loro da uomo, e trasmettere loro la sensazione di essere protette, la maggioranza di loro sceglierà il secondo”.

“Prendi con le pinze quello che ti sto per dire, vuoi sapere come faccio io a non aver paura delle donne, dell’approccio, del terrore di essere rifiutato?”

Stefan angli occhi fissi su di me, pende dalle mie labbra.

“Mi ripeto centinaia di volte che io sono migliore di loro, che loro sono il mio oggetto, che dovrebbero pagarmi per avermi”.

“Agli inizi era ancora peggio, un secondo prima di conoscere una donna dicevo a bassa voce “adesso vado a conoscere la sciacquetta della serata” e poi mi buttavo”.

“Quando io mi avvicinavo ad una donna, lo facevo in uno stato emotivo molto prossimo alla rabbia nei loro confronti. Mi sentivo davvero migliore, per me le donne erano delle assolute nullità, puri oggetti a cui dovevo solo dimostrare di essere il meglio sulla piazza”.

“Adesso non uso più questo metodo ma credo che a te tornerebbe utile a volte”.

“Prendiamo ad esempio il tuo rapporto con Flavia: tu Stefan la sua attenzione la hai conquistata, anche l’altro giorno se ti ricordi, ti ha detto di sederti in parte a lei, cioè ti stava dando del credito, ti stava dicendo “Stefan, ti offro la possibilità di giocartela, di conquistarmi”.

“Il problema è che tu rimani in silenzio, la fissi e ti estranei dal mondo, non le stai dimostrando quello che vali, anzi le stai dicendo “sei così bella che non riesco a parlare, sono qui che sbavo per te”.

“Altro aspetto che dovresti un po’ sistemare…anche se tutti gli uomini conoscono le donne per portarle a letto, se una donna percepisce che tu sei da lei per quello, ti brucia. Quando sei con lei non smetti mai di guardarle le tette, insomma..Flavia ha degli occhi davvero belli, cerca di stupirla la prossima volta, guardala negli occhi”.

“Perché mi stai dicendo questo?”

“In realtà non lo so, gli rispondo, credo tu sia un bravo ragazzo..e poi sai che ti voglio portare a letto”.

“Questo discorso non mi piace”.

Scoppio a ridere.

“Quando poi sei riuscito a farle capire di aver investito bene, nei confronti dell’uomo giusto intendo, è il momento in cui devi far star bene una donna, devi farla divertire, lei si deve sentire a suo agio con te”.

“Hai magari delle storie divertenti da raccontare? Riesci a farla ridere con delle battute? Ricordati che se una donna ride con te, è praticamente nelle tue mani”.

“Supponiamo che io sia Flavia, raccontami qualcosa di divertente”.

Rimango in silenzio per alcuni secondi, non ricevendo alcuna risposta mi volgo nuovamente verso Stefan, i suoi occhi sono puntati fissi verso il mio petto.

“Mi stai guardando le tette presumo”.

“Credo di sì in effetti, mi hai detto di essere Flavia e..ehm, sì no”.

“Sì No….splendido”.

“Coraggio, una storia divertente!”

“Una volta ho fatto una puzza in ascensore e la ragazza accanto a me ha quasi vomitato”

Lo fisso con incredulità: “Ok, questa è una storia bellissima ma eviterei di raccontarla ad un primo appuntamento”

“Vuoi che ti dica una delle mie storie di sicuro successo con le donne?”

“Mi piacerebbe!”, esclama entusiasta.

“Troppo tardi, siamo arrivati”.

Parcheggio la macchina e mi avvio con il mio fido scudiero verso il condominio della festa.

Suono tutti i campanelli anche se il cognome della padrona di casa mi era stato correttamente comunicato, adoro fomentare risse tra i vicini.

Saliamo le scale sino ad incontrare l’appartamento della festa. Sul pianerottolo una bella ragazza è intenta a scusarsi con i dirimpettai per il disturbo arrecato.

Con lei c’è anche mio cugino, appena mi vede mi fa cenno di aspettare.

Luca mi si avvicina rapidamente “Non fare il tipo raro che poi le fighe se ne vanno” mi dice e poi rivolgendosi a Stefan si presenta stringendogli la mano.

“Promesso” rispondo “parola di lupetto”. Rimane interdetto poi mi abbraccia e torna a dare man forte alla ragazza.

La festa è come me la ero immaginata, noiosa; a parte la padrona di casa non ci sono ragazze degne di nota, propongo a Stefan di giocare ai “barboni affamati”.

Mi avvicino al buffet e comincio ad ingurgitare tutto quello che trovo. Mangio come un maiale, senza averne voglia, senza un motivo vero. Stefan non è da meno, un trita rifiuti non avrebbe svolto un lavoro migliore. Afferro delle pizzette che cerco di nascondere nelle tasche dei jeans del mio compare. il pomodoro lorda le mie mani e rende impresentabili i suoi jeans.

Lo spettacolo viene notato dalla padrona di casa che si avvicina “Non mangi da un anno?” mi chiede con un mezzo sorriso.

Guardo Stefan per un secondo, gli sorrido, spero abbia capito le mie intenzioni, è ora di dimostrare sul campo la lezione teorica.

“Ma guarda, la ragazza che litiga con i vicini arrabbiati perché lei suona loro il campanello e poi scappa” le rispondo.

Rimane sconcertata per qualche istante poi scoppia a ridere.

“Sei un bastardo! sei stato tu?”

“Solo tecnicamente, perché moralmente non avrei voluto, sfortunatamente sono vittima di uno spirito maligno che mi obbliga a suonare i campanelli, rivelare al mondo segreti inconfessabili come il sesto segreto di Fatima e limonare ma sempre senza lingua”

“Non mi dire, e come si chiamerebbe questo spiritello?”

Sgudibla”.

La sua risata è fragorosa e cattura l’attenzione di tutti gli invitati

“Cerca di non mettermi in imbarazzo”, le dico, “poi ci cacciano e saremo costretti a passare la notte in giro per questa metropoli a suonare campanelli”.

Ride ancora e mi afferra per un attimo il braccio.

Sono riuscito a conquistare la sua attenzione, non le ho detto che è bella anche se lo penso, non abbiamo parlato di cose banali. Ha riso mentre la prendevo in giro, la cosa le è piaciuta tanto che si è avvicinata a me, anche fisicamente.

“Sei il cugino di Luca” mi dice, “ho sentito parlare di te”.

Gioco in casa, vado con un classico: “Se è per quella storia ti giuro che la tipa mi aveva giurato di essere maggiorenne”.

Ride ancora, buon segno.

“Io sono Cristina” dice allungando la mano.

Afferro la sua mano le rivolgendole il palmo verso il basso comincio ad osservarla.

“Cosa c’è?” domanda con un minimo di apprensione.

“Guardavo le tue dita, sono veramente tante, quante saranno? almeno 9 direi”.

“Sono 10”

“Ma scherzi? Così tante? ma è sempre stato così o te ne sono cresciute nel tempo?”

“Sei proprio scemo” dice lei e ancora una volta mi colpisce con dolcezza la spalla.

Il dialogo surreale sembra divertirla, decido di indagare un po’ di più.

“Voglio essere subito sincero e ti parlo da uomo a uomo, se sei venuta a conoscermi solo per avere il mio corpo, mettiti in fila” le dico.

“Come hai fatto a scoprirmi” risponde divertita lei.

“Non sei la prima, ma guarda che sono molto difficile io, non è che mi concedo tanto facilmente”.

“Dovrò proprio impegnarmi allora”, ribatte.

“Facciamo un patto: ti metto in prima posizione nella mia waiting list, prima di Angelina Jolie e Amanda Lear, se mi racconti a chi hai rubato quel modo assolutamente affascinante di sorridere che hai”.

Colpito nel segno, spiazzata ancora una volta.

“Cosa ha di speciale il mio sorriso?”

“Ti racconto una cosa, quando prima siamo arrivati nel pianerottolo tu, se ricordi, stavi litigando con i vicini perché sei una peste che suona i campanelli e scappa”.

“Esatto”, risponde, e ride ancora.

“Tu ti sei girata per un secondo e mi hai sorriso ed io in quel momento ho deciso che avrei dovuto assolutamente conoscerti. Il tuo sorriso è diverso, è sincero…tu sorridi anche con gli occhi, e questo è raro, e nel contempo affascinante”.

“Ma non è vero, figurati se lo hai notato”.

“Lo ho notato eccome, ho anche continuato a fissarti mentre Luca mi parlava, speravo anzi ti girassi ancora”.

“Ma dai! non è vero”. Questa volta vi è molta complicità in quello che dice, è lusingata ma non lo vuole ammettere.

“Però se non fossi venuta io a conoscerti, tu ti saresti ingozzato e poi magari anche ubriacato”.

È il momento di cambiare marcia, la fisso negli occhi, le sorrido e dopo una pausa le espongo il mio punto di vista: “Io non sono abituato a lasciare le cose a metà, ti ho notata subito e sarei venuto a conoscerti perché sarebbe stato da pazzi non farlo. Mi ha colpito il tuo sorriso ma soprattutto mi sta piacendo molto parlare con te ora, cosa che conferma la prima impressione che avevo avuto”.

“Non sono il tipo che racconta balle, anzi diciamo che non potrei definirmi una persona molto accondiscendente, non faccio complimenti a vanvera e soprattutto rimango a parlare con una donna solo se ne vale la pena, di belle donne è pieno il mondo, di donne interessanti no”.

“A volte uno è fortunato, e trova entrambe”.

Lei rimane in silenzio, è il momento di smorzare il complimento: “come sarebbe capitato se io avessi conosciuto quella tipa e non te”, lo dico indicando una ragazza cicciottella che sta parlando con mio cugino in quel momento.

La risata e l’ulteriore schiaffo sulla testa mi confermano ancora di essere sulla buona strada, è ora di chiudere.

Mi fissa per alcuni secondi rimanendo in silenzio, noto che per un attimo si mordicchia il labbro inferiore.

“Smettila di guardarmi così” le intimo.

“Perché?” domanda “come ti starei guardando?” continua.

“Senti, ho già una mezza elezione, se continui così finisce male”.

“Hai cosa?” domanda lei “Una elezione?”

“Mezza, ad oggi” rispondo.

“Tu non sei normale” mi dice.

“Pensa un po’ quanto normale sei tu che stai passando il tuo tempo con me” rispondo.

“Hai ragione anche te” riflette ad alta voce.

“Chi va con lo zoppo arriva tardi” le dico in tono solenne.

“La conoscevo in maniera diversa..chi va con lo zoppo impara a zoppicare” dice lei divertita.

“Già in principio volevo imparare pure io a zoppicare ma poi ho avuto un po’ di problemi con la schiena e quindi ho preferito camminare normale ma aspettare lo zoppo, il problema è che lui va molto lento e quindi arriviamo spesso tardi”. “Pensa che per arrivare a questa festa siamo dovuti partire un’ora prima del previsto”.

Il suo sguardo è di chi si è perso nel deserto.

“Sei qui con qualcuno?” domanda.

“Con lo zoppo” rispondo ed indico Stefan.

“Lui sarebbe quindi uno zoppo”, trattiene le risate a stento.

“Stefan è vero che sei zoppo?”

“Dalla nascita” risponde prontamente, adoro quando mi fa la spalla correttamente.

“..e una volta ho fatto una puzza in ascensore e la ragazza accanto a me ha quasi vomitato” conclude.

Lei sgrana gli occhi incredula: “Come scusa?”

“Nulla, non è importante, dicevamo che è zoppo, ma non amiamo pubblicizzare la cosa perché mi secca che mi vedano con uno zoppo, sai voi giovani d’oggi, pensate subito che anche tu sia zoppo se ti vedono con uno zoppo”.

La mia spiegazione non fa una piega, ne sono orgoglioso.

“Potrei odiati o perdere la testa per uno come te lo sai?” dice lei fissandomi.

“Lo sapevo, vuoi limonare con me”.

“Ti sembrano cose da dire???” risponde lei in un tono che è già un sì.

“Ti parlo come un amico può parlare alla figlia del fratello dell’amico del postino conosciuto online durante una chat erotica” le dico afferrandole le mani e girandola leggermente verso di me.

“Ok” risponde lei, “capisco la profondità e la solennità della cosa”.

“Mi compiaccio” rispondo “io odio la maggioranza di queste persone, ti dirò che per il 90% non le conosco”. “Se rimango qui 10 minuti ancora finirò per mangiare tutto quello che è rimasto e passare poi agli alcolici con esiti imprevedibili”. “Se invece adesso io e te ci baciamo, facciamo la cosa che entrambi desideriamo e non avrai sulla coscienza il fatto che io sia diventato un ciccione dopo questa festa”.

“Ti elenco quindi alcuni buoni motivi per cui io e te dovremmo baciarci” continuo.

“Ti ascolto” risponde “sono curiosa di conoscerli pure io”.

  1. Ovviamente ti piaccio
  2. Ovviamente ti sto simpatico
  3. Altrettanto ovvio che tu abbia capito che sono un vero uomo, uno di quelli che fumano, bestemmiano, non ballano, si ubriacano e picchiano i bambini
  4. Direi che anche tu ti stai annoiando
  5. C’è un gran feeling tra di noi
  6. Poi ovviamente ti piaccio

“Questo lo hai già detto” risponde seria.

“Già è che io ti piaccio molto” le rispondo.

“Sei molto sicuro di te” afferma.

Mi avvicino alle sue labbra, lei non si sposta. “Chi io? Scherzi?” sussurro.

Sorride.

La bacio.

Cap 19 – Le strade

Quando apro gli occhi sono oramai le 10.30, stanchezza e postumi della nottata si fanno ancora sentire, la testa mi scoppia, ho solo bisogno di un’aspirina.

Mi riaddormento per alcune ore non appena l’effetto dell’acido acetilsalicilico comincia a farsi sentire; dormo profondamente e di gusto, non ci sono incubi a turbare il mio riposo.

Verso le 12.30 il telefono squilla, a cercarmi è l’operatrice 246 di una sconosciuta società di ricerche di mercato, desiderosa di sapere se voglio partecipare ad un sondaggio sull’utilizzo dei telefoni cellulari. La informo che normalmente il mio cellulare lo utilizzo come disco volante per trasporto acari e così facendo, tiro l’iPhone, e la sciagurata 246, direttamente sul divano.

Rifletto per alcuni minuti su quanto successo nelle ultime ore: Ioli, Baffino, ma soprattutto il mio comportamento nei confronti di Stefan, e Gian Antonio…sebbene non abbia le idee ancora completamente chiare, sento che c’è stato un qualcosa di malato nelle mie azioni.

Ho deciso aprioristicamente che i colpevoli fossero loro senza analizzare obiettivamente i miei comportamenti; il sonno deve avere qualche potere curativo perché è come se mi sentissi meglio, percepisco dentro di me che esiste una possibilità di uscire da questa strana situazione.

Dicono che il passo più difficile per le persone che hanno un problema sia proprio quello di ammetterlo, questa mattina sono stanco di nascondermi dietro un dito, sono consapevole che esista qualcosa in me che negli ultimi anni ha pregiudicato un po’ tutti i settori nevralgici della mia vita, e questo qualcosa si chiama MCI.

Dare un nome al proprio nemico ha una certa importanza, riuscire anche a immaginarsene le fattezze è ancor più importante.

Gioco alle libere associazioni da solo sul letto, il passaggio di idee è talmente lineare che allo scoprire il risultato, vivo come in una sorta di gigantesco deja vù.

MCI – malattia – infermo – letto – infermiera – siringa – drogato – tossico – Lapo Elkann.

Mi sembra impossibile, decido di provarci ancora:

MCI – MGM – ONG – OGM – Organismo geneticamente modificato – Organismo Transgenico – Trans…..Lapo Elkann.

Ancora, percorso diverso, risultato uguale.

Sono malato di MCI, ergo ho una sorta di Lapo Elkann che vive dentro di me e sabota sistematicamente in tutto quanto faccio.

Cerco disperatamente un’immagine della mia nemesi e finalmente la trovo, LUI veste occhiali bizzarri, ha un cappello rosa…è chiaramente la MCI.

Una strana eccitazione mi pervade, ho bisogno di raccontare questa mia incredibile scoperta a qualcuno, una persona che però non sia un semplice amico, ma che possa ragionare con me sugli effetti e implicazioni di questa nuova verità.

Esclusa la lista BANU (battone – amici – numeri utili) mi rimangono Ioli, Bianca e Quella probabilmente adottata, alla fine la scelta cade su Ioli.

Chiamo in azienda e come al solito mi risponde Lina, la solerte segretaria di mio padre che, per un caso a me ancora sconosciuto, tende a detestarmi.

“Ciao Lina, passami Ioli, è urgente”.

“Buongiorno a lei, il signor Mario è in questo momento occupato in un’altra linea, se vuole lasciarmi un recapito, non mancherò di farglielo pervenire non appena si libera”.

“Lina è davvero urgente questa volta”.

“La hanno finalmente arrestata?”

In passato tra me e Lina vi è stata qualche tensione per via di una serie di accuse, a mio avviso fondatissime, che ho pensato di muovere nei suoi confronti. Da quel momento Lina, complice comunque l’età e l’ormai prossima pensione, ha smesso di venerarmi come sempre aveva fatto, assumendo nei miei confronti un atteggiamento distaccato, e a tratti quasi scontroso.

“Lina, non farmi innervosire, passami Ioli”.

“Il signor Mario è ancora impegnato nell’altra linea, se vuole anticiparmi il tema, sarò lieta di comunicarglielo non appena si libera”.

“Ok, digli che ho scoperto che il problema era mio e che Lapo Elkann vive dentro di me”.

Mi rendo conto di quanto possa essere difficile per chi ascolta capire una frase del genere, quindi decido di tradurla per Lina: “Lapo Elkan è la MCI, vive dentro di me e dovrò sconfiggerlo“.

Ora tutto sembra più chiaro, attendo una risposta che non arriva.

Dopo alcuni secondi di silenzio decido di verificare che la vecchia sia ancora dall’altra parte della cornetta.

“Lina, ci sei? Stai prendendo appunti?”.

“Ovviamente, non vedo l’ora di riferire a suo padre che il suo amato figlio è posseduto da Lapo Elkann”.

Detta così la cosa sembra più grave di quello che pensassi.

“Ricordati di dirgli che però questa volta voglio sconfiggere Lapo, lo ucciderò”.

“…suo figlio ucciderà Lapo Elkann” sento che appunta, “Ne sarà felicissimo” continua.

“Ok, io ho bisogno di un appuntamento con Ioli quanto prima, magari anche oggi”.

“Non mi dica, avremo la possibilità di vederla in ufficio oggi? Spero non si stancherà troppo a lavorare 4 ore mentre noi..”

Smetto di ascoltare la sua filippica ed inserita nuovamente la modalità Disco Volante, lancio lei e il telefono nel letto.

Quando esco dalla doccia trovo un SMS di Ioli, mi stupisce il tono stranamente preoccupato: “Stai tranquillo, non fare niente, ci vediamo qui alle 15”.

Arrivo con 5 minuti di anticipo che saggiamente spendo per cercare di ricucire i rapporti con Lina.

“Frequenti ancora i club scambisti?” le domando dopo averla tramortita con un “5-secondi-di-sorriso-TomCruise”.

“Per sua informazione, io non ho mai frequentato quel genere di club e mai li frequenterò”.

“E di quella confessione, che mi dici allora?”.

“Vorrei ricordarle che all’epoca esisteva ancora in questa azienda la cattiva abitudine di utilizzare cartelle condivise. Anche se mai si è scoperto il colpevole, io ritengo che lei modificò un mio documento utilizzando la funzione “Cerca – sostituisci” di word. La mia unica colpa è stata quella di non verificare quanto consegnato poi ai diversi manager di questa società, che scoprirono così, in una maniera peraltro estremamente ridondante, che ‘sono una porca, faccio le orgie, amo i club scambisti’.

Scoppio a ridere di gusto: “E’ stato molto coraggioso da parte sua ammetterlo quella volta, e le dirò che ho trovato il suo gesto quasi romantico”.

“Che senso ha nascondersi” continuo “se una è porca è porca”.

“Lascia stare Lina ed entra in ufficio”. La voce di mio padre mi interrompe un secondo prima che mi lanciassi in una richiesta di applauso via interfono per “Il coraggio di Lina che ha ammesso di fare gli scambi di coppia”.

L’ufficio di Ioli è ordinato come sempre, mi accomodo davanti a lui e lo guardo con un super sorriso stampato in volto.

“A che viene questo sorriso?”

“E’ il TomCruise”.

Ioli non capisce ma salta a piè pari l’argomento.

“Dimmi allora, perché vorresti uccidere Lapo Elkann”.

“Detta così suona male, in realtà io non voglio uccidere Lapo Elkann, voglio eliminarlo da dentro di me”.

Il silenzio di Ioli mi spinge ad argomentare un po’ di più la mia idea.

“Tu sai che io sono malato di MCI…”

“Certo, la mancanza di bla bla bla, che tu ti sei inventato perché sei un hippy”.

“No, ascolta, questa volta è una cosa seria, la MCI..ho capito che dovrò fare qualcosa per sconfiggerla perché a causa sua ho deluso te, ho perso cose e persone importanti”.

“Prima pensavo fosse in parte colpa di Stefan e del Farino, adesso ho capito che avevi ragione, ho un problema, dovrò trovare da solo la soluzione. Anzi, vorrei sapere se tu hai qualcuno in mente, che mi possa aiutare”.

Ioli rimane a fissarmi per alcuni secondi, poi si lascia sprofondare nella sedia senza perdermi di vista.

“Spiegami di Lapo Elkann prima”.

“In realtà dico Lapo Elkann per dire MCI, ho fatto una serie di libere associazioni e mi sono reso conto che partendo dalla MCI finivo sempre a lui. Mi serve visualizzare il mio problema, ora non è solo una sigla, c’è anche un volto”.

“Fammi un esempio” dice lui.

“Ok, vediamo: MCI – mIci – gatti – pelosi – capelli – Shakira Lapo Elkann

“Sono sempre più convinto che tua madre nel ’68 abbia sperimentato qualcosa in più dei semplici spinelli” afferma.

“Quindi comunque tu non ucciderai Lapo Elkann, perché Lina mi aveva scritto nel biglietto che tu..”

“No, no..non lo ucciderò, cioè lo ucciderò metaforicamente, ma dentro di me…per poter essere libero di trovare e seguire una strada, come tu mi hai detto poco tempo fa”.

Ioli apre un cassetto situato alla destra della scrivania e ne estrae un’agenda di color nero, apre la rubrica e assorto comincia a leggerne il contenuto.

“Io non conosco bene il tuo problema, per questo ritengo tu debba provare diversi approcci e poi scegliere quello che per te è il più esaustivo, quello che ti fa sentire più a tuo agio, quello che magari ha degli effetti”.

“Personalmente fossi in te, andrei a parlare con il Fabiani, magari cercherei un confronto anche di tipo spirituale, in chiesa magari, e non tralascerei un incontro con questa persona”.

Mi porge un biglietto da visita che ha staccato da una pagina della rubrica, riporta tutti i dati di un certo Bruno Voli Eclissi.

“Bruno Voli Eclissi?” domando.

“Eclissi è il cognome della vecchia moglie, lui lo ha mantenuto ed ora è il nome anche della società che presiede, è una specie di life coach”.

“Ho mandato da lui diversi dei ragazzi qui in azienda, lui afferma che “quando c’è una luce troppo forte che ti abbaglia, tu non riesci a vedere la strada, ed è allora che arrivano lui e la sua Eclissi”.

“Suona interessante” rispondo “potrebbe essere quello che sto cercando”.

“Fai pure il mio nome quando vai da lui”, si alza e mi porge la mano “sono fiero di te”.

Esco dall’ufficio di Ioli davvero sollevato, mi soffermo solo 1 minuto con Lina: “Alla fine non mi ha mai detto se preferisce i semplici threesome o si dedica più alla gang bang”.

Mi guarda con sospetto, finge di non sapere di cosa io stia parlando.

Cap 18 – Gian Antonio Farino

Sono le 4 e 30 del mattino, esco dall’appartamento di Stefan dopo averlo lasciato praticamente agonizzante nel letto. Fingo di fumare una sigaretta per darmi un tono, spero sempre nella possibilità che un talent scout possa notarmi in questa posa da bello e dannato. Rimango in attesa per 5 secondi, assumo lo sguardo alla Dylan di Beverly Hills ma anche questa volta non succede nulla, difficile a pensarci bene, dentro un condominio, e a queste ore.

Decido di affrontare il Farino in uno dei prossimi giorni, ma il desiderio di urinare mi spinge comunque a salire le scale e dirigermi verso il suo stuoino.

Pisciare nello stuoino del signor Gian Antonio è divenuta prassi comune nel condominio, Flavia in più di un’occasione lo ha fatto, sicuramente Stefan su mia imbeccata; i Farino sembrano non essersene accorti o convivono beatamente con un costante odore di lettiera di gatto.

Il Farino, detto a seconda degli interlocutori “il Pazzo”, il “Fuori di testa” (o “Fuoritesta” nella versione di Bianca) è un uomo di circa 65 anni; meridionale di nascita è il risultato di quel fenomeno che i meteorologi chiamano “Venti da Sud” ossia sparuti gruppi di 20 persone provenienti dal Sud Italia che si trasferiscono al Nord in cerca di un futuro migliore .

In più di un’occasione ho sentito Ioli utilizzare questa spiegazione per giustificare il cospicuo numero di meridionali assunti nella sua azienda “Venti dal Sud oggi, venti dal Sud anche domani, va a finire che ce li troviamo tutti qui”.

Qui al Nord Gian Antonio non ha trovato troppa fortuna ma ha sposato Francesca, ex professoressa di educazione tecnica, nonché pensionata baby senza averne requisiti.

Dall’unione dei due, o meglio dall’unica volta in cui i due si sono uniti, è venuta Antonia, ragazzina nata bruttina, cresciuta brutta, ma fattasi incredibilmente cessa in età adulta. Come spesso si dice “le vie del Signore sono infinite” e nonostante le sue aberranti fattezze anche lei è riuscita a trovare un pazzo – boy scout – buon samaritano che di lei prima si è innamorato e poi ha deciso di sposarla, e renderla madre.

Come se non bastasse, il caritatevole marito, nella speranza (vana) di ingraziarsi il futuro suocero e di evitare così una delle sue ormai famose denunce a grappolo (termine mutuato dalle tristemente note bombe a grappolo) ha pensato bene di colmare il ratto della fanciulla con un animale domestico, e un bel giorno si è presentato in casa Farino con un adorabile cucciolo di cocker.

Ovviamente il cagnolino, circondato da siffatta umanità, non ha tardato molto a manifestare segni di squilibrio trasformandosi, nei sogni di molti vicini, in una perfetta cavia per le nuove pallottole Beretta con punta in titanio (anche se forse l’argento in questo caso sarebbe più adatto) e doppia carica esplosiva.

Il Farino ha saputo con il tempo guadagnarsi sul campo la fama di insoffribile vicino, riuscendo a farsi odiare non solo dai diversi condomini ma anche dalla sua stessa famiglia.

Come ci sia riuscito è presto detto: il Farino vive in un mondo parallelo in cui tutto ciò che accade viene interpretato come attacco personale alla sua persona e dignità, e per questo diviene meritevole dell’unica forma di comunicazione da lui conosciuta, ossia la denuncia.

Non esiste atto, atteggiamento, movimento che il Buon Antonio non abbia analizzato e elevato a rango di “grave offesa”, non esiste persona nel palazzo che in un modo o nell’altro non abbia avuto a che fare con questa sua paranoia delirante.

Assorto nelle mie riflessioni giungo davanti la casa incriminata.

Mi slaccio cintura e jeans e rimango con i boxer alle ginocchia e mani sui fianchi. La posizione “Mussolini al bagno” è sempre stata una delle mie favorite, adottata alla fine di una lunga selezione che nel tempo mi ha portato a sperimentare anche la “Zorro che combatte”, “Fiamma di Megalopoli”, “Il vortice ipnotizzante” tutte con pessimi risultati, soprattutto per tende e pavimento di Bianca.

In una serata come questa è probabile che io sia il primo a omaggiare i Farino in questo modo, è durante i week end che si forma quasi una fila, tanto che in più di un’occasione si è pensato di creare una sorta di lista di attesa o di distribuire i biglietti numerati, come nei supermercati.

Mi guardo intorno mentre la mia calda pipì comincia a bagnare la porta del vicino, mi immagino al balcone di Piazza Venezia mentre arringo migliaia di persone convincendole che uccidere e morire per la Patria è non solo intelligente ma anche onorevole.

Lo spavento che desta in me la porta che si apre non è tale da bloccare le mie funzioni corporali.

“Cosa stai facendo?” mi domanda Gian Antonio di cui riesco a intravedere solo un occhio che mi osserva da dietro la porta.

“Piscio”.

“Potresti smettere? …questa sarebbe casa mia”.

“Tecnicamente non sono certo che il tuo stuoino sia casa tua”.

“Tecnicamente stai mirando verso di me, la tua urina sta entrando in casa mia attraverso lo spazio che si è creato una volta che io ho aperto la porta.”

“Mi hai fregato, ti sto pisciando in casa, lo ammetto.”

“Perché?” domanda

Mi rivesto lentamente, stanchezza e alcool di certo non mi aiutano.

Assumo nuovamente la postura e l’espressione Dylan, fumo con piacere una mia “non sigaretta”, guardo pensieroso il vuoto.

“Scusa? Ehi!”

Le parole del Farino interrompono la magia.

“Ti ho chiesto di spiegarmi il per quale strano motivo tu mi stai pisciando in casa”.

Gli rido in faccia, bel coraggio, penso tra me e me.

“Ti dice niente il nome Asia?”.

Colpisco nel segno, mi fa cenno di aspettare e mi chiude la porta in faccia, il botto deve aver svegliato sicuramente qualcuno, rifletto.

Compare nuovamente dopo alcuni minuti, questa volta apre del tutto la porta, indossa un pigiama verde a quadri grandi, mi ricorda Sbirulino.

Ai piedi veste delle buffe calze da notte, non capisco se vi siano stampati cagnolini o rane.

In mano ha un grosso libro dove assorto sta controllando qualcosa; lo spavento avvicinandomi a lui di scatto, istintivamente fa un passo indietro e il suo piede finisce inevitabilmente nella piccola pozza di pipì creatasi vicino alla porta.

“È inaudito!” grida “ti denuncio”.

Scoppio a ridere di gusto, mentre lui rimane in equilibrio su di un solo piede e ricomincia a controllare il libro.

“Qui a me risultano 2 Asia: ho denunciato una signora Asia Alberti nel 1986 perché è “arrivata prima di me in un parcheggio, si è rifiutata con atteggiamento supponente di cedermi il posto nonostante io le avessi spiegato che a me era più utile che a lei”.

“Interessante” intervengo “lei arriva prima di te, non ti cede il parcheggio e tu la denunci”.

“Ovviamente” risponde impettito.

“Sì sì, ovviamente” ribatto “la seconda Asia?”.

“Allora, questa è ancora in corso, ho denunciato l’Asia perché ci manda troppi cinesi”.

“E a te cosa te ne frega se ci sono i cinesi?”

“Sono troppi, è inaudito, inoltre è evidente che la loro presenza sia una manovra orchestrata dal Vaticano per tentare di convertirmi”.

“Non ti seguo”

“Ascoltami bene, tutto è molto chiaro: di che colore siamo noi italiani?”

“Bianchi”

“Geniale, e di che colore sono loro?”

“Gialli?”

“Perfetto, tu dovevi essere il primo della classe”.

“In realtà no, c’era Giovanni più bravo, ma ora si è fatto prete” rispondo.

“VEDI!! Tutto torna! Allora i colori del Vaticano non sono per caso Bianco e Giallo?”

“Effettivamente..”

“E’ quindi ovvio che questo sia un gigantesca azione di conversione di massa perpetrata anche attraverso la diffusione di un messaggio subliminale di dimensioni colossali, messo in piedi dal Vaticano – e guarda caso oggi scopriamo che un tuo amico è prete – contro chi come me non è credente e ha denunciato Dio”.

“Hai denunciato Dio?”

Ricomincia a scartabellare nel suo libro.

“Sì, per rumori molesti…i tuoni, non mi fanno dormire”.

“Come è finita?”

“Se ne sta occupando il mio avvocato, dice che c’è qualche problema nell’incontrare la controparte”.

“Ciancio alle bande” ricomincio io, “io mi riferivo ad Asia, la ragazza…no, scusa,…la bambola che mi hai mandato a casa per farmi impazzire”.

Gian Antonio mi guarda ora esterrefatto, piega la testa da un lato, si gratta per qualche secondo il mento.

“Una bambola?”

“CERTO UNA BAMBOLA” grido “una bambola perfetta di cui io mi sono sbarazzato prima di potermene innamorare, una bambola della bellezza di un angelo che tu hai creato o commissionato a qualcuno per…perché mi odi, o perché volevi burlarti di me..qualcosa del genere”.

Il Farino accenna un sorriso, rientra in casa e torna dopo poco con sua moglie per mano: “Francesca questa poi la devi sentire. Questo screanzato si è permesso prima di tutto di pisciare sul nostro stuoino”

“Lo fanno tutti Antò” risponde lei.

“Lasciami finire, mi ha pisciato in casa e poi mi ha accusato di avergli inviato una bambola gonfiabile per farlo innamorare” e così dicendo scoppia a ridere.

Il mio pugno lo raggiunge direttamente sulla bocca, cade all’indietro e travolge la moglie. I due cominciano a gridare e nel giro di pochi secondo siamo circondati da molti curiosi del pianerottolo e dei piani sottostanti.

“Asia non è una bambola gonfiabile” gli dico fissandolo con odio “è una bambola di porcellana, così bella e perfetta che solo una mano ispirata da Dio avrebbe potuto crearla così”.

“Dubito che tale perfezione possa arrivare da un verme come questo allora” dice Flavia, che nel mentre si è fatta strada tra i presenti.

“Lei stia zitta!” grida il Farino “altrimenti la denuncio”.

“Mi hai già denunciato ebete” risponde lei “una volta perché giravo nuda, e la volta dopo perché non giravo nuda”.

“Mi avevi illuso” risponde lui.

“A me ha denunciato perché a suo dire rovino l’euritmia dell’edificio” interviene il nano da pochi istanti unitosi al gruppetto.

“La sua statura non è consona alla bellezza dello stabile” risponde.

Il Farino non si è ancora alzato da terra e il nano ha buon gioco a sferrargli un pugno sul naso.

“Se è per questo ha denunciato anche me” interviene la moglie.

Tutti rimangono in silenzio a fissarla: “Secondo quanto mi hanno riferito il fatto di girare per casa in ciabatte e gambaletto è un attentato alla sua salute psico-fisica”.

“Sei brutta che fai spavento” risponde lui pulendosi il sangue che scende dal suo naso con la manica del pigiama.

“Hai denunciato anche tua figlia, brutto stronzo!” continua Francesca “Perché a suo dire accarezzava più il cane che il padre”.

“Smettetela tutti” grida Gian Antonio alzandosi in piedi “Vi ho denunciati e continuerò a farlo, oggi mi avete picchiato, umiliato e diffamato, pensate di cavarvela con poco?”

“Tu” rivolgendosi a me “Mi hai pisciato in casa, diffamato, picchiato e con la mente mi hai dato pure del coglione”.

“Allora funziona!!” grido io con entusiasmo “Lo sapevo!” grido rivolgendomi a Flavia che mi abbraccia felice.

“Voi tutti, vi denuncerò per…manifestazione non autorizzata contro un pover’uomo”

“Tanto povero che a quanto ci risulta, ha fatto la cresta in più occasioni sui lavori che sono stati effettuati nell’edificio, tanto che è riuscito a non pagare un euro, ha rubato della corrispondenza a suo dire contenente sostanze nocive, ha installato parabole e trasmittenti illegali per ascoltarci e si acquatta in posizioni strategiche per fotografare sotto le gonne di chi sale le scale“ interviene Chantal del 4C, avvocato e mamma di professione.

Rimaniamo in silenzio a fissare l’uomo che ora comincia a balbettare.

“E’ un’infamia” esclama “una bugia che sarà denunciata alle autorità..”

“E che dire dell’appartamento che possiedi in via Giotto? Dicono tu abbia passato bei guai quando hanno scoperto che ci vivevano ammassati 8..o erano 10 extracomunitari? ”

“E’ una infamia!” la voce di Stefan giunge da un punto indefinito situato dietro il capannello di persone.

Si fa largo ridacchiando, ancora in preda all’alcool.

“Tu mi hai denunciato, figlio di puttana, perché non mi sono fatto toccare il culo da te” biascica.

“Mi aveva invitato ad un martedì gay! Cosa dovevo fare?” risponde Farino.

“Il martedì gay è per fare la spesa..stron..”

La parola si strozza in gola, Stefan sbarra gli occhi e si china verso lo stuoino.

Vomita tutto quello che non aveva lasciato in macchina.

L’odore si fa insopportabile, la gente torna ai propri appartamenti, aiuto Stefan a rialzarsi e me ne vado da Gian Antonio, Francesca e il loro stuoino lercio.

Cap 8 – Mariolino

Nonostante le mie perplessità in molti sostengono che io abbia sia una madre che un padre.

Mio papà si chiama Mariolino, per gli amici o Mario o Lino, per me semplicemente Ioli per quella forma di anticonformismo cronico che mi ha sempre caratterizzato, e che negli anni mi ha fatto schierare dalla parte degli Spandau Ballet quando tutti andavano con i Duran Duran, con Sabrina Salerno quando tutti amavano Samantha Fox, con La Toya Jackson quando tutti impazzivano per la sorella Michael.

Ioli è molto ricco, è il tipico uomo si è fatto con le proprie mani, considero l’abbondante peluria che ricopre il suo corpo, e gli occhiali da miope che indossa, come prove di quanto appena affermato.

Ha creato dal nulla un’azienda che produce pannelli per isolamento termico, sembra che il business funzioni perché negli anni, pur definendosi sempre più povero, ha potuto girare il mondo, comprare un appartamento a me, uno alla “mia sorella probabilmente adottata” e una casa per lui e mia madre nella ridente, prestigiosa e vippissima località di Jesolo.

Ioli professionalmente parlando è il tipico imprenditore di successo del Nord Est, mentre dal punto di vista affettivo è tipico imprenditore di successo del Nord Est.

E’ scientificamente programmato per 4 cose:

  • guadagnare su tutto;
  • monetizzare le mie esigenze e le mie richieste di affetto;
  • mettermi in imbarazzo;
  • ignorare le mie domande.

Ricordo che dopo l’arrivo di “mia sorella probabilmente adottata”, comparsa quando io avevo all’incirca 2 anni e consegnataci (secondo la mia attendibile ricostruzione) da un solerte fattorino come omaggio alle due confezioni di arachidi da 1 kg comprate da mamma, mio padre appese in alcune zone strategiche della casa, la “Tabella dell’affetto e delle mansioni”.

A detta di Ioli questo era il modo migliore per insegnarci il valore del denaro.

Si andava dalle 100 lire per 5 minuti di grattata di schiena, alle 250 per un abbraccio (dato o ricevuto), fino alle 5000 lire per chi si fosse arrampicato nel tetto e avesse sistemato il fastidioso disturbo che gli impediva di vedere Colpo Grosso in qualità accettabile.

Ho cercato in più di un’occasione di taroccare la tabella inserendo la voce “Gettarsi dalla finestra – 10000 lire” per eliminare alla fonte il problema di “mia sorella probabilmente adottata” ma mia madre, di cui per ora non confesserò il nome per una questione di privacy, me lo impedì.

L’altro aspetto di Ioli che negli anni non ho ancora imparato a tollerare, è la sua indubbia capacità di mettermi in imbarazzo. Per un evidente caso di sdoppiamento di personalità, mio padre è capace di interpretare il ruolo dell’imprenditore quando si trova solo con me e del padre fastidiosamente affettuoso in presenza di sconosciuti.

Così mentre siamo soli in ufficio suole darmi del lei, davanti ad estranei o nel corso di importanti riunioni a cui io vengo inspiegabilmente invitato, divento “Zucchero”, “Amore”, “Piccolo”, “Tesoro”.

“Tesoro, tu che ne pensi?”, “Piccolo credi che papà stia facendo bene?”, “Zucchero, tutto bene?, “Amore vorresti dire al signore quello che abbiamo deciso?”.

Gli occhi di tutti puntati su di me, specialmente quando si tratta di giovani stagiste potenzialmente attratte dal figlio belloccio e ribelle del boss, riescono ancora, a distanza di anni, a farmi sprofondare in uno stato pervasivo di vergogna e senso di nausea dal quale emergo, sfortunatamente male, con frasi impacciate tipo “Scusatemi”, “Scusatelo”, “Chiedo scusa”, retaggio di un’educazione in cui dell’affetto ci si deve vergognare e scusare.

Ogni domenica Ioli e mamma ci invitano a pranzo e sistematicamente mi convinco che sia arrivato il giorno in cui confesseranno a “mia sorella probabilmente adottata” che il vero padre, ipotizzo un brasiliano, è ricomparso per far ritorno con lei nella favelas di Rio da cui provengono.

Le mie speranze vengono sistematicamente disattese ma perlomeno mi viene offerta la possibilità di dialogare con mio padre di qualcosa che non sia lavoro.

“Fatico a spiegarmi alcune cose relative alla mia nascita” ho esordito la settimana scorsa tra un boccone e l’altro di fumante spezzatino.

Ioli non mi ha nemmeno degnato di uno sguardo preso com’era dal fenomenale servizio sulle “scimmie che dicono il loro nome a rutti” che il TG2 stava mandando in onda.

“Cerca di seguire il mio ragionamento” ho continuato “Partiamo da un assunto: mamma e direi anche nonna sono sicuramente ancora vergini”

“Basta guardarle per rendersi conto che mai e poi mai hanno conosciuto uomo e fatto cose turpi e peccaminose, dico bene?”

“Ti posso concedere che mamma, in quanto sessantottina bolognese, è probabile che qualche bacio lo abbia anche dato, ma nonna no…nonna è santa e tutt’ora vergine”.

“Appurato tutto ciò, capisci che questo mette in crisi molte delle certezze sulle quali si è fondato il mio sviluppo emotivo e psicologico” continuo.

Attendo un qualche tipo di reazione che non arriva quindi continuo con il mio monologo.

“Ora io apprezzo che voi mi abbiate accolto per anni nella vostra famiglia, ma credo sia arrivato il momento di dirmi se è vero come credo, che sono il figlio di un qualche essere superiore comparso d’improvviso 36 anni fa in Italia”

…ancora niente.

“Che mia sorella sia adottata questo è scontato…ma dimmi almeno che aspetto aveva mio padre, se mi ha lasciato qualcosa, un’arma, un messaggio…magari ‘ricorda a mio figlio di salvare il mondo a 36 anni’ oppure ‘L’assassino di Laura Palmer è..”…qualcosa del genere”.

Guardo per un secondo mia madre, giusto in tempo per ammirare il suo sguardo tra lo stupito e il rassegnato, mi giro nuovamente verso Ioli e mi accorgo  che sta ridendo sguaiatamente alla vista di una scimmia di nome Giada.

“Avete sentito?” grida divertito “Ha detto Giada con un rutto!”

“Non mi hai ascoltato” gli dico.

“No” risponde.

“Nemmeno quando ho parlato del mio vero padre?”

“Figuriamoci” ribatte.

“Tarpi le ali della mia dirompente vitalità ed originalità in questo modo” dico dopo un po’  “e forse metti in pericolo l’intero mondo” continuo.

“100 euro vanno bene?” risponde distrattamente.

Intasco 100 euro da questa persona che non può essere mio padre anche se lui è convinto di esserlo e contino a mangiare.

Cap 3 – La vicina nudista

Nel mio palazzo vivono 40 famiglie. Otto di queste occupano gli appartamenti al piano terra e le rimanenti sono distribuite in quattro piani ciascuno con otto abitazioni.

Ammetto di detestare una buona parte dei miei vicini solo perché gli altri ancora non li ho conosciuti.

Da un ipotetico rogo salverei probabilmente la vicina nudista dell’appartamento 1A; lei dice di chiamarsi Flavia ma io, ovviamente, non le credo.

Ho cercato più volte di spiegarle che è scientificamente dimostrabile che lei non possa  chiamarsi così, perché “Flavia” è un nome da magra e lei è tutto fuorché magra.

Le mie doti persuasive hanno sortito l’effetto desiderato ed ora non si schernisce più se la chiamo Bobbola.

Si è anzi quasi commossa quando con l’esempio delle lince le ho spiegato che le “b” e le “o” sono per i nomi dei grassi mentre le “f” e le “i” per i magri.

Chiudi gli occhi e pronuncia la parola “lince” .

Lince”.

E’ grassa o magra?” le ho domandato “come la visualizzi?”.

Magra” ha risposto e immediatamente ha aperto gli occhi e mi ha guardato con ammirazione.

In psicologia della Gestalt questo si chiama insight: è come un flash che ti arriva all’improvviso  e dalla ridefinizione delle cose scopri come risolvere il tuo problema.

Ora anche lei sa di non chiamarsi Flavia.

Vederla girare nuda non è un gran spettacolo, io ne sono assuefatto, i fattorini delle pizzerie con consegna a domicilio già meno.

Ormai la conoscono e nessuno dei ragazzi vuole fare il lavoro perché non desiderano trovarsela davanti.

Lei, astuta come una volpe, ha cominciato ad ordinare le pizze facendole recapitare a casa mia.

In principio la cosa ha funzionato, poi si è sparsa la voce che io fossi affetto da MCI ed ora i fattorini, temendo di ammalarsi,  non consegnano nemmeno più a me.

Cap 1 – La MCI

MCI = mancanza cronica di iniziativa

La mancanza cronica di iniziativa è una malattia molto grave, magari non come la pertosse o gli orecchioni, ma è molto pericolosa.

Auto diagnosticarmela è stato semplice, è bastato riflettere sul mio stato psicofisico per rendermi conto che qualcosa di male dovevo per forza avere.

Non si giustificherebbe altrimenti il fatto che io oggi non voglia andare a lavorare da mio padre e preferisca rimanere sotto le coperte.

Ora non mi si venga a dire che si tratta di una scusa, non è forse vero che chi manifesta sintomi quali tosse, raffreddore e febbre ha l’influenza? Bene, io che manifesto poca voglia di andare a lavorare, sono indolente e pigro sono chiaramente ed inconfutabilmente affetto da MCI.

E che vada al diavolo mio padre che sbraita in cucina con mia madre, lui è sano come un pesce, sono io l’ammalato di casa.

Il mio ragionamento mi convince, sto meglio, ho trovato la spiegazione a quanto mi sta succedendo, chiudo gli occhi, dormo.