Archivi tag: baffino

Cap 13 – Il topo gigante

Dopo avermi eletto suo capo supremo, mentore e salvatore, Stefan si è praticamente trasferito nel mio appartamento. Non bussa alla porta, né si presenta quando entra. Rimane in silenzio osservando ogni mio gesto, aspettando un mio cenno, una mia parola, quasi fosse un fedele cagnolino in attesa dell’osso del padrone.

La sua è una presenza ormai fissa come lo sono il tavolo, le sedie, i dvd porno, e le manette che tanto piacevano ad Anna.

Il nostro è il classico esempio di “rapporto logoro”, quello che lentamente uccide le coppie che rimango insieme più per una questione di decoro, che per vero affetto: io lo ignoro e quando necessito qualcosa, gliela chiedo.

Sono ancora sotto le coperte quando lo sento entrare in casa. Ho trascorso la serata precedente in compagnia di Simona, è passata come promesso a lasciarmi Baffino, si è raccomandata di non fargli bere alcolici, di non fargli vedere il TG4, e di canticchiargli Bandiera Rossa quando voglio farlo dormire.

Ha voluto anche testare l’effetto delle parole di Veltroni sulla bestiolina, ci siamo risvegliati tutti e 3 dopo circa un’ora.

Quando se ne è andata sono rimasto almeno altri 30 minuti ad osservare il mio nuovo ospite, ne ho studiato i movimenti e le fattezze, ne ho accarezzato il morbido pelo cercando di non spaventarlo con le mie enormi dita.

In uno sprazzo di inusitata gentilezza gli ho inoltre:

I rumori provenienti dalla cucina mi allarmano, decido di alzarmi per evitare che Baffino conosca Stefan senza un mio filtro, voglio evitare almeno questo trauma alla bestiolina.

Effettivamente trovo Stefan in cucina con gli occhi fissi sulla gabbietta, Baffino è fuori dalla sua casetta e lo sta fissando, decido di evitare al mio Sancho Panza l’umiliazione di essere ipnotizzato da un criceto, quindi mi schiarisco la voce ed interrompo questo epico scontro tra titani.

“Che cosa è questa merda?” mi dice indicando con un gesto la gabbietta sul tavolo.

“Prego?” gli rispondo, “Perché merda? A me sembra bellissimo”.

Colgo una luce nei suoi occhi, non riesco a capirla inizialmente, ma mi mette a disagio.

“Perché è qui? Ha dormito con te?”

“Si chiama Baffino, è il criceto di Simona la cassiera del supermercato, mi ha chiesto di tenerglielo per alcuni giorni”.

“E’ passata ieri sera a lasciarmelo” continuo “Simona dice che è la reincarnazione di Lenin”.

“Ha dormito con te?” domanda nuovamente Stefan.

La sua istanza è così fuori luogo che il problema si acclara in meno di un secondo: Stefan è geloso di Baffino.

Mentalmente mi annoto di:

“Che domanda è ‘ha dormito con te’” dico pazientemente “E’ rimasto nella sua gabbietta a dormire tutta la notte, dopo che gli avevo mostrato i video di Anna ed Elena e cantato la ninna nanna”.

“Lo conosci da un giorno e gli fai vedere i video?” “Io non li ho mai visti quei video, e a me non hai mai cantato nulla” incalza.

Capisco che siamo vicini ad una crisi di folle gelosia, e decido di abbassare i toni: “Stefan, Baffino è un criceto, e per quanto intelligente, non credo avrà capito molto di quanto gli ho mostrato”

“Se non ti mostro i video è solo perché l’ultima volta sei andato da Giorgia a dirle che le avevi visto le tette in foto, e lei giustamente si è incazzata con me”.

“Aveva delle belle tette” risponde.

“Per quello gliele avevo fotografate, fatto sta che lei si è arrabbiata ed io ho deciso di non mostrarti più nulla”.

Il tono “papà comprensivo” sembra funzionare e Stefan si tranquillizza.

Decido di testare nuovamente il mio potere su di lui: “Appurato che Baffino non ha dormito con me e che la sua presenza, oltre che limitata temporalmente, lo è anche affettivamente, mi vuoi dire che a te non piacciono i criceti?”.

La mia domanda lo inquieta, leggo nei suoi occhi la paura di deludermi e nel contempo il desiderio, per una volta, di far valere i propri gusti e le proprie idee. Alla fine vinco ancora io.

“Normalmente non molto, ma questo che hai tu è molto bello…cioè a me non piacciono quelli scuri, ma quello che hai tu è stupendo davvero”. Mi sorride falsamente.

“Potrei affezionarmi ad un mostro così” insisto io.

“Già” risponde “sono davvero animaletti fantastici” risponde poco convinto.

Quello che succede nei giorni successivi ha quasi dell’incredibile: il bambino geloso che era arrivato ad un passo dal gridare la sua rabbia, e ribellarsi per difendere e rivendicare il proprio diritto all’amore del genitore, si trasforma come d’incanto nel bimbo mansueto, che cerca di compiacere chi ha eletto come modello di vita, imitandone i gesti, o semplicemente anticipandone i desideri.

Ma in Stefan la ferita non è del tutto rimarginata e la rabbia, non ancora del tutto sopita, riemerge simbolicamente, furtiva come una volpe, in piccoli gesti e decisioni.

“Vieni a vedere, in casa mia c’è una bella sorpresa” mi dice il giorno seguente.

Già immagino di cosa si tratta ma vado comunque a vedere.

Questo è Adolf” dice orgoglioso indicando la gabbietta.

Adolf è un topo, più simile ad un castoro che ad una cavia, è enorme, la gabbietta che gli hanno dato è troppo piccola.

“Di cosa si tratta?” domando.

“Non vedi? è un criceto, come il tuo” risponde.

“Stefan, la differenza tra un criceto e questo coso che ti hanno venduto, è la stessa che esiste tra una tigre ed un gatto“.

Mi guarda perplesso.

“No, mi hanno assicurato che anche il tuo quando cresce diventa così”.

“A parte il fatto che non è mio” dico ” fossi in te andrei a cambiarlo, ti hanno sicuramente truffato”.

“Sì hai ragione…sono dei figli di puttana!”

Un lampo di scoramento attraversa il suo volto, intuisco solo in quel momento quanto avesse investito in quel gesto, al tempo stesso di resa e di ribellione. Da un lato il topo, gigante come lo erano i monumenti che gli antichi edificavano per ingraziarsi gli Dei, dall’altro il nome, retaggio di una nefasta epoca, palesemente in contrasto con quanto gli avevo raccontato di Baffino.

Decido di verificare la mia tesi: “Perché lo hai chiamato Adolf” gli domando.

“Perché è forte e spietato come lo…ZIO Adolf” risponde ammiccando.

Decido di riprendere il discorso in un secondo momento.

“Che pensi di fare”, gli domando “lo vai a cambiare?”

“Vado subito” risponde.

Entra in cucina dopo circa un’ora.

“Ti presento Adolf” mi dice sorridendo.

“È molto bellino” gli dico “non è un criceto ma almeno ne ha le fattezze”.

Questa volta nel negozio di animali gli hanno rifilato il tipico topolino da esperimento. È bianco, sembra affettuoso. Se ho capito bene, hanno individuato in Stefan lo scemo cui sganciare tutti gli animali che non si vendono, quindi onde evitare di vedermelo arrivare con scimmie, boa e un bue muschiato spacciati per differenti tipi di criceto, decido di assecondarlo.

“E del topo gigante che ne hai fatto” domando con curiosità.

“Debbo tenerlo, non lo prendono indietro”.

“Passerò a salutare i due Adolf prossimamente” gli dico per sbolognarmelo.

Non vedo Stefan per ben due giorni, poi d’improvviso compare in casa mia terrorizzato.

“Mi devi aiutare, è successo un disastro”.

“Che è successo” domando.

“Adolf ha praticamente ammazzato Adolf” mi dice.

Lo fisso senza dire nulla.

Il topo gigante ha praticamente ammazzato il piccolo” dice quasi gridando.

Spiegami che è successo” gli dico mentre ci dirigiamo al suo appartamento.

“Quando ho portato a casa il criceto Adolf piccolo ho desiderato facesse amicizia con il criceto Adolf grande e quindi li ho messi nella gabbietta insieme”.

Lo blocco subito. “Fammi capire…tu hai messo nella stessa gabbia un topolino bianco, esile ed impaurito con un topo dieci volte più grande?”

“Volevo facessero amicizia”

“Che è successo?” gli domando.

“Il grande lo ha osservato per un po’ e poi gli è saltato addosso, lo ha morso ovunque, pensavo gli staccasse la testa” dice sconsolato.

“Stefan” comincio pacatamente “riprendo la similitudine già utilizzata…tu metteresti nella stessa gabbietta una tigre e un gatto nella speranza che facciano amicizia?”

Non risponde, guarda il pavimento.

“Ok” dico “Adolf piccolo adesso come sta?”

“Non lo so, forse lo ho buttato via”

“Come sarebbe a dire che forse lo hai buttato via”.

“Non avendo un’altra gabbietta lo ho lasciato libero per casa” comincia.

“Ieri non lo trovavo, poi ho sentito uno strano fruscio venire dalla borsa dell’immondizia che lascio sul pavimento”…

“Mi sono preso paura, ho preso una scopa e ho colpito forte la borsa, poi la ho chiusa e sono sceso a buttare tutto nel bidone”.

“Solo dopo ho pensato ci potesse essere dentro Adolf piccolo” conclude.

Ho paura a domandarglielo ma mi faccio coraggio: “Ed Adolf grande?”.

“Ah…Adolf grande lo ho ammazzato io” dice.

“Perché”.

“Aveva fatto male ad Adolf piccolo…non doveva farlo, così impara”.

Rimango 10 secondi a guardarlo, aspetto che esca il regista a dirmi “sei in una candid camera”.

Non succede, me ne torno sui miei passi lasciandolo solo nel corridoio.

Cap 12 – La cassiera

La prima regola del supermercato recita: “Un uomo che gironzola in solitudine per i corridoi di un esercizio commerciale adibito alla vendita di generi alimentari, con un carrello pieno di “4 salti in padella”, è un single a caccia di mamme e/o donne infelici”.

La seconda regola dice che “2 uomini al supermercato sono una coppia gay: le mamme e /o le donne infelici guarderanno il belloccio dei due pensando:

Il lunedì e il mercoledì sono rispettivamente la mia giornata gay e single, in realtà il primo giorno della settimana potrebbe definirsi anche dello “sperpero inusitato di ingenti quantitativi di denaro” dal momento che cerco di comprare tutto ciò che di superfluo esiste per indurre (con ovvio successo), Stefan a fare lo stesso.

Il mercoledì generalmente mi vedo costretto quindi a tornare una seconda volta al supermercato per rifornirmi di cose realmente utili quali cibo e bevande.

Intuisco che anche Stefan abbia un suo giorno da single, almeno che il suo fisico non si sia adattato nel tempo a nutrirsi di creme depilatorie, assorbenti interni, mascara e profumatissime buste colorate.

La terza regola, applicabile però a qualsiasi tipo di esercizio commerciale, è quella di comprare sempre e comunque dei profilattici in presenza di donne piacenti, ti farà sembrare ai loro occhi un novello stallone, e passerai improvvisamente dalla categoria “uomo che in maniera insulsa mi sta guardando le tette” a quella di “wow..questo ha anche una vita sessuale a dispetto della sua apparenza che molto mi ricorda un uomo che in maniera insulsa mi sta guardando le tette”.

Non ho ancora pensato ad una regola 4 ma conto di arrivare almeno fino alla 100 prima di proporre ad un editore famoso il mio “Come sopravvivere e trarre vantaggi di tipo sessuale da un super o ipermercato nell’anno 2010”.

La mia amicizia con Simona, la cassiera del Super di via degli Olmi, è una evidente conseguenza della regola numero 3.

“Compri molti profilattici” mi ha detto un giorno, “2 scatole a settimana, scusami se sono sfacciata ma..wow, beato te”.

“In effetti ho fatto l’amore con moltissime donne, alcune delle quali si possono annoverare tra le più belle del pianeta” le ho risposto.

“A dire il vero mentre io facevo l’amore con loro, loro probabilmente erano con i rispettivi partner” ho continuato “ ho una lista aggiornata con tutte le mie avventure: la volta che Megan Fox si è trasferita nell’appartamento della vicina nudista e ne ha interiorizzato le abitudini, la volta che Paz Vega mi ha abbordato in spiaggia supplicandomi di spalmarle la crema, la volta che la Rita Levi Montalcini mi ha sculacciato forte, come punizione al fatto di aver copiato un compito in classe”.

“Ti è successo tutto questo?” mi ha domandato dubbiosa.

“Vale la fantasia?”.

“No che non vale, troppo semplice così, anch’io allora lo ho fatto con Brad Pitt”.

“Le tue frequentazioni ti fanno onore” ho ribattuto.

“Dai dimmi perché compri tanti profilattici allora”.

“In realtà non vorrei svelarti troppo di me al primo appuntamento, ma ho deciso che farò un’eccezione: ostentare una vita sessuale ha un buon ascendente sulle donne, in passato mostravo loro alcuni video registrati con delle partner occasionali, ma ho rimediato qualche ceffone di troppo, quindi ho deciso di optare per l’acquisto smodato di palloncini sessuali.

Rimane in silenzio per due secondi fissandomi intensamente con due occhi azzurri che sembrano gocce di colore cadute dal cielo.

“Deve essere divertente uscire con te”.

Vorrei tu mi amassi per quello che sono, non per il mio corpo” le dico, è una frase che avrei voluto usare per le selezioni del Grande Fratello ma mi vedo costretto ad usarla ora.

“Farò il possibile” mi risponde “io sono Simona” dice porgendomi la mano.

Gliela stringo con forza nella speranza che da questo possa dedurre ancor più cose sul mio vigore sessuale, ma la cosa sembra non interessarle.

“Potremmo bere qualcosa insieme” mi dice lei mentre la gente spazientita in fila comincia a rumoreggiare.

In realtà ho la MCI, le ragazze sono spaventate da questo e tendono ad evitarmi”.

“Se è per questo stai parlando con una persona che ha milioni di fobie assurde!”

“Attendo con ansia” le rispondo

“Vediamo…per esempio…mi affaccio volentieri al balcone, anche fosse il trentesimo piano, ma ho paura di salire in piedi su una sedia o di scendere le scale senza una ringhiera; ho paura di inghiottire le pastiglie per la possibilità di rimanerne strozzata; ho il terrore di camminare nell’erba alta perché esseri misteriosi e diabolici potrebbero nascondersi al suo interno, non manca la fobia dei rettili ma solo quelli che non hanno zampe, ho la fobia dei ragni, sono anche un filo ipocondriaca e se quando torno a casa non c’è nessuno, prima di chiudermici dentro faccio il giro di tutte le stanze e sgabuzzino e guardo dietro le tende.

Dimenticavo…..adoro il mare ma ho paura delle rocce che si vedono sul fondale.

“Queste sono alcune..continuo?”

“Potrei presentarti un buon esorcista”

“Ah, dimenticavo, e ho anche un criceto comunista di nome Baffino che ritengo sia l’incarnazione di Vladimir Ilyich Lenin” e così dicendo mi fa notare una gabbietta celata sotto la cassa.

“Come sai che è l’incarnazione di Lenin?” le domando.

“L’unico modo di farlo addormentare è fargli ascoltare le parole di Veltroni ”.

“Sono narcotiche, capita a tutti”

“Non sopporta Berlusconi”.

“Quello capita a molti”

“Se gli canto Bandiera Rossa gonfia d’orgoglio il petto e si commuove”

“Questo è già più significativo” rispondo.

“I criceti sono carini” le dico “sai che sto stranamente sviluppando una certa avversione nei confronti di pecore, cavalli e bambi?”.

“Cerbiatti?”

“No, bambi”.

“Perché? I cavalli sono animali belli ed intelligenti e i bambi sono dolci”

“In realtà è una cosa che ho notato solo ultimamente, prima mi piacevano, adesso piuttosto vorrei un mulo albino da portare al guinzaglio al parco per rimorchiarci le ragazze.

“Ne andrebbero matte” ribatte.

“Ci vediamo sabato? Che te ne pare?” dico io interrompendola

“Sono in ferie da venerdì” risponde “me ne vado a Padova dal mio ragazzo, probabilmente a terminare la “relazione agonia” che ci portiamo avanti da 4 anni”

“Potresti lasciarmi Baffino” le dico “ormai siamo amici e così saresti obbligata a passare da me per riprendertelo”

“Una sorta di ricatto” dice ridendo “ tu sì che ci sai fare con le donne”

La sua affermazione mi offende ma decido di vendicarmi in un secondo momento, le sorrido.

Scrive il suo numero in un foglietto di carta che mi porge sorridendo: “Baffino è come mio figlio, non saprei a chi lasciarlo e quindi la tua proposta mi ha davvero salvata, sono in debito”.

Potresti lasciare che ti tocchi una tetta” le dico seriamente.

“Non fare il cretino e non fare in modo che io mi penta” risponde “chiamami stasera che organizziamo il trasloco”.

La saluto un attimo prima di vedere la signora che seguiva in fila dare in escandescenza, vado a casa a fare un po’ di ordine, tra pochi giorni avrò visite.